Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Turchia: Ozal su Bulgaria, NATO, CEE

10.10.1985 - Ankara

La Bulgaria auspica che durante il semestre di presidenza Italiana della comunità europea possano intensificarsi i rapporti tra CEE e comecon, oltre che quelli bilaterali fra i paesi delle due aree economiche.

Lo ha detto oggi il vice presidente del consiglio dei ministri Andrei Lukanov, appena rientrato da mosca ove ha partecipato ad una riunione del comecon, al sottosegretario agli esteri on. Bruno Corti.

Il colloquio di circa un’ora, improntato a cordialità, si è svolto a conclusione della visita del nostro esponente governativo a Sofia in occasione della sessione della commissione mista di cooperazione economica e ha avuto per tema soprattutto lo sviluppo delle relazioni bilaterali.

Il governo turco ha offerto al governo bulgaro di accogliere l’intera minoranza di lingua turca, circa un milione di persone, che vive in Bulgaria: ma il governo di Sofia finora non ha dato segno di volere aprire trattative per un accordo di emigrazione.

Lo ha detto il primo ministro turgut ozal a un gruppo di giornalisti europei in visita oggi ad Ankara. “La minoranza turca in Bulgaria é oggetto di una slavizzazione forzata, condotta con torture e uccisioni “, ha detto ozal, ribadendo la volontà di continuare a premere perché Sofia accetti di aprire trattative.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti, lamentando “inesattezze nell’informazione europea “sul rispetto dei diritti dell’uomo in Turchia, il premier ha annunciato che entro l’anno lo stato d’assedio nella regione di Istanbul verrà revocato. Esso rimarrà in vigore - ha detto - solo in alcune zone sud - orientali del paese.

Il premier ha detto poi che la “legge sui pentiti del terrorismo, approvata nei mesi scorsi in Turchia sull’esempio della legge Italiana, sta dando buoni frutti “: oltre trecento pentiti si sarebbero già presentati alle autorità per “collaborare ad impedire la riorganizzazione dei gruppi terroristici”.

Ozal ha confermato la volontà turca di “operare nella nato per la sicurezza comune”, ma non ha nascosto l'esistenza di “qualche serio problema con gli USA”, particolarmente in materia di aiuti economici per l'ammodernamento delle forze armate turche.

Egli ha escluso - confermando una posizione già nota - che la Turchia intenda concedere basi per la 'forza di rapido schieramento’ americana. “È meglio - ha detto - che la nostra cooperazione rimanga nell'ambito NATO”.

Il premier ha auspicato un “miglioramento delle relazioni turco - sovietiche, essenzialmente in campo economico” ma ha sottolineato la determinazione del suo governo di condurre la Turchia a integrarsi economicamente con l'occidente, con l’adesione alla CEE.

“Siamo davvero decisi a entrare nella comunità europea - ha sottolineato - e non perdiamo occasione per ricordare ai 'dieci che la nostra economia in rapido sviluppo presenta caratteristiche non di concorrenza ma di complementarità con i paesi della CEE: fra l'altro, questi non hanno ragione di temere, alcuna emigrazione di massa dei nostri contadini dell'Anatolia nella comunità.”


Fonte: ANSA




Commenta questa notizia



Notizie

01.02.1986Un sì con riserve della CEE al COMECON
24.01.1986CEE e COMECON verso negoziati
22.10.1985Oggi a Sofia consulto dell’est Gorbaciov si prepara al summit
10.10.1985Turchia: Ozal su Bulgaria, NATO, CEE
10.10.1985Il Patto di Varsavia rilancerà dalla Bulgaria l’offensiva sul disarmo
25.07.1985Proibite in Bulgaria le squadre "militari"
15.05.1985Sofia ammette "in Bulgaria c'é terrorismo"



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)