Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Agnelli: anche l'est deve aprire i mercati

25.09.1988

Saranno gli stessi operatori dell'Est a scoprire per primi le occasioni di sviluppo che l’apertura del loro mercato potrà generare, non in astratto, ma nella concreta realtà e a vantaggio dei loro stessi Paesi. È quanto ha affermato ieri il vicepresidente della Fiat, Umberto Agnelli, parlando a Varna, in Bulgaria, al convegno sulle nuove strategie di sviluppo della cooperazione economica Est-Ovest, promosso dall’International Council di Vienna di cui lo stesso Agnelli è presidente. Al convegno, aperto dal presidente bulgaro Todor Zhivkov, hanno partecipato numerose personalità, tra le quali Joseph Strauss, Etienne Davignon e il presidente dell’Istituto San Paolo di Torino, Gianni Zandano.
 
Nel suo intervento, Agnelli ha sottolineato la concreta volontà di cooperazione che muove i partecipanti al convegno di Varna, ma ha anche rilevato gli ostacoli oggettivi di carattere monetario, tecnico e legislativo che ancora sussistono per l’ampliamento dei rapporti economici Est-Ovest. Bisogna affrontare il problema di "un diverso modo di fare business", ha detto Angelli. "Noi occidentali - ha proseguito - ci rendiamo conto non solo delle difficoltà tecniche ma anche dei grandi problemi di sostanza che stanno dietro a queste difficoltà".

"Ci rendiamo perfettamente conto - ha detto ancora Agnelli - di quale portata sia per i Paesi dell’Est il problema di definire che tipo di equilibrio si debba stabilire fra risorse nazionali e capitale esterno, tra imprese di Stato, autogestite, imprese con partecipazioni di capitale estero e management occidentale e infine piccole imprese private, per le quali comincia a delinearsi una spazio ma che sono pur sempre una realtà allo stato nascente". I Paesi dell'Est devono rendersi conto anche che l’interesse delle imprese occidentali è quello che un'area così grande e così dotata di risorse umane e materiali diventi un grande mercato: oggi essa non lo è. Se si apre il mercato, secondo Agnelli, si avvia il confronto fra uomini, soprattutto fra tecnici e manager. Gli uomini delle imprese dell’Est dovranno quindi conoscere il modo di operare delle strutture occidentali.

"Voi - ha detto Agnelli - avete validissime organizzazioni settoriali ma non avete scuole di management che formino i dirigenti di imprese" che debbono affrontare l'internazionalizzazione dei mercati. "Su questo terreno - ha concluso - siamo pronti a offrire la nostra collaborazione".


Fonte: Il Sole 24 Ore




Commenta questa notizia



Notizie

06.12.1988In Italia il ministro degli esteri bulgaro Mladenov
11.11.1988L’Est spaccato a metà dall'idillio col mercato
04.11.1988I riformisti all’est sognano i capitali sul mercato aperto
25.09.1988Agnelli: anche l'est deve aprire i mercati
22.09.1988Italia - Bulgaria, ormai è pace fatta
21.09.1988Andreotti in visita a Sofia lungo incontro con Zhivkov
03.09.1988A tutta avventura sull’Orient-Express



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)