Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro

Subscribe
Share/Save/Bookmark
     




           Utente: non registrato, entra

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie


 
Bulgaria: corsa contro il tempo per salvare la gola di Kresna
Gramsci: un'Omine, una Vida
Ultrabazar in concerto a Sofia, Plovdiv e Burgas
FT: Sofia rinasce come la capitale tecnologica dei Balcani
Bulgaria, concentrazione dei media e libertà di stampa
   
Tutte le notizie

    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

  
Purga tra i leader della coalizione governativa di Sofia

16.06.2000 - Sofia

Il presidente del consiglio bulgaro, Ivan Kostov, ha sollevato dal proprio incarico il responsabile delle trattive con l'UE, Aleksandar Bozkov. Si ritiene che il congedo da uno dei politici più noti dell'Unione delle Forze Democratiche (SDS) sia l'ultimo di una serie di passi contro la corruzione ai vertici del governo bulgaro. Il futuro di Bozkov verrà deciso dalla magistratura, che esaminerà il suo operato in qualità di ministro dell'industria nell'esecutivo formato dalla SDS dal 1997 al dicembre 2000, quando è stato assegnato a tale carica "europea".

Ivan Kostov ha pregato ufficialmente Bozkov di dare le dimissioni solo alcuni giorno dopo che il responsabile delle trattative aveva fatto rapporto sulla chiusura dei primi quattro capitoli delle trattative per l'ammissione all'UE. Il lavoro evidentemente buono e rapido nelle trattative con l'UE non è stato sufficiente a correggere la cattiva immagine di Bozkov conseguente agli scandali con i quali il suo nome ormai da tre anni viene messo coostantemente in relazione.

Aleksandar Bozkov è uno dei leader "blu" che ha acquisito più rapidamente la fama di ministro che ha sfruttato la propria posizione personale per arricchirsi. In breve tempo gli è stato affibbiato il soprannome di "Mister 10%" a causa della sua tendenza a cercare di ottenere una commissione per ogni affare che richiedeva la sua firma. Negli ultimi mesi, prima di essere trasferito alla sezione per le trattative con l'UE, i bulgari lo conoscevano ormai con il nomignolo di "Mister 20%". I sospetti di malversazioni finanziarie non sono comunque stati provati. Indipendentemente da ciò, Bozkov in occasione del rimpasto di governo del dicembre 1999 è rimasto fuori dal governo e poco dopo è stato lasciato fuori anche dagli organi esecutivi della SDS.

Oggi, sei mesi più tardi, il successore di Bozkov, Petar Zotev, ha accusato l'ex ministro di abuso d'ufficio. Contro Bozkov è stata aperta un'indagine che deve confermare quale sia la sua partecipazione all'emissione con modalità illegali di buoni di compensazione che secondo la legge sulle compensazioni spettano ai proprietari di beni statalizzati. Tali buoni vengono rilasciati ai proprietari, o ai rispettivi eredi, in relazione alle imprese che dopo il 9 settembre 1944 sono state sequestrate "a favore del potere popolare". Con tali buoni ora si può partecipare alla privatizzazione delle aziende statali.

Alle imprese illegali del ministro ha partecipato anche il suo viceministro Edit Getova, sulla quale già da molto tempo pesavano sospetti di corruzione. Un controllo ha dimostrato che i due hanno rilasciato buoni di compensazione che superano di 250 volte il valore reale della ditta "Strug - Vagan - Engibarov" statalizzata a suo tempo. Getova ha stilato un rapporto secondo il quale all'erede Anzel Engibarova-Smit doveva essere data una compensazione del valore di 78 milioni di marchi, invece che di 310.000 marchi. Indipendentemente dall'entità del danno confermato per tali casi di emissione di buoni, su tale documento si trova la firma di Aleksandar Bozkov.

Proprio nel medesimo periodo il ministero dell'industria ha adottato un paio di decisioni che consentono una maggiore libertà nello scambio dei buoni di compensazione e così il loro valore ha fatto un balzo verso l'alto. Engibarova-Smit ha venduto gran parte dei buoni alla ditta dei fratelli Dzankovi, che a loro volta li hanno utilizzati per partecipare alla privatizzazione dello stabilimento di macinazione di Sofia. Hanno vinto il concorso e hanno pagato l'intero prezzo con tali buoni, e così lo stato non ha ottenuto quasi nulla, in termini di somme reali, dalla vendita dello stabilimento. E' interessante notare il particolare che nel concorso la ditta dei fratelli Dzankovi aveva avuto la meglio su un'azienda greca. La settimana scorsa, tuttavia, la medesima azienda greca, la Lulis, ha comunque acquistato lo stabilimento di macinatura e i due fratelli hanno così realizzato un consistente profitto.

Quale è stato il vantaggio che Getova e Bozkov hanno tratto da tale emissione illegale di buoni di compensazione è qualcosa che dovrà essere chiarito dagli organi competenti della magistratura. Quello che è allarmante è il fatto che, evidentemente, non si tratta di un caso isolato, bensì di una delle molte occasioni in cui esponenti dell'alta dirigenza della SDS hanno abusato della propria carica d'ufficio per portare a termine affari sfavorevoli per lo stato o per adottare decisioni illegittime.

La decisione di Kostov tuttavia è indicativa. La questione dell'esistenza della corruzione ai vertici dello stato è stata portata all'ordine del giorno sei mesi fa da parte del presidente del paese, Petar Stojanov, nonché dagli oppositori politici della SDS. I dubbi sulle azioni illegittime dei membri dell'esecutivo gettano un'ombra sull'immagine del governo, che è drasticamente peggiorata tra gli elettori, sempre meno fiduciosi nei confronti dell'esecutivo. In tutti i casi in cui si è cercato di trovare una risposta alla domanda sull'esistenza della corruzione, Kostov ha difeso i suoi collaboratori. Ha rimosso dalla loro carica solo due di essi, noti entrambi come "M.M." - si tratta del responsabile del centro stampa del governo, Mihail Mihajlov, e dell'ex viceministro dell'industria, Marin Marinov, perché erano sospettati di corruzione. La decisione di sollevarli dall'incarico ha validità temporanea, fino a quando non verranno portate a termine le verifiche delle autorità che conducono le indagini. Nel caso di Bozkov, tuttavia, Kostov ha dato prova di una maggiore decisione nel fare i conti con alcuni dei leader "blu" che violano la legge.

Non è chiaro quale sarà il contrattacco di Bozkov, che è una delle persone più influenti nella SDS. Per molto tempo si è pensato che Kostov non avrebbe potuto fare i conti con lui per svariati motivi, addirittura solo per il fatto che è l'unico nel governo che parla fluentemente l'inglese. Bozkov manteneva i contatti con il FMI. Era anche un esponente della lobby ebrea che il premier sicuramente non desidera perdere. E, non all'ultimo posto, Bozkov ha condotto la maggior parte del processo di privatizzazione delle imprese statali. Egli controlla leve economiche che, in caso di eventuali attriti tra singole personalità della SDS, e al di fuori di essa, potrebbero svolgere un importante ruolo.

Comunque, se non riuscirà a migliorare la propria immagine, il partito di governo rischia di perdere le elezioni politiche dell'anno prossimo. Le istituzioni finanziarie internazionali, da parte loro, premono anch'esse affinché il governo risolva il problema della corruzione. In caso contrario Kostov potrebbere perdere anche il loro sostegno. Egli ha già avviato una guerra con un altro noto ministro, estromesso con il rimpasto di governo del dicembre scorso: Evgenij Bakardziev. Non è chiaro se riuscirà ad arrivare fino in fondo con tanti avversari. Sembrerebbe, a uno sguardo superficiale, che egli possa contare sul sostegno del presidente Petar Stojanov, che gode di un'alta fiducia nella società ed è stato il primo a sollevare la questione di una pulizia tra le fila dei "blu".

All'interno della SDS c'è odore di guerra, a meno che le recenti decisioni non siano solo un tentativo di gettare polvere negli occhi degli elettori, in funzione di qualche compromesso politico


Autore: Georgi Filipov
Fonte: AIM
Traduzione: Andrea Ferrario - Notizie Est




Commenta questa notizia



Notizie

29.06.2000Continua la saga Unicredito/Bulbank
28.06.2000Bulgaria: disoccupazione reale al 34%?
21.06.2000Economia: la situazione va precipitando
16.06.2000Purga tra i leader della coalizione governativa di Sofia
14.06.2000"Bulgaria-Italia" miglior sito della settimana secondo Yahoo! Italia
13.06.2000La strana tempistica degli investimenti italiani nei Balcani
09.06.2000UE: Bulgaria, strategia per entrare in new economy


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Presidenza UE2018 | Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS
    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS

Home | Notizie | Forum | Club | Associazione | Annunci | Directory | Biblioteca | Meteo | Foto del giorno | Immagini | Parole famose | Cerca
Turismo | Hotel | Shop | Traduzioni | Appunti di Viaggio | Bulgari in Italia | Cartoline | Sondaggi | Dicono di noi | SocNet  Български English Русский Français Български (Автоматичен превод)
Contattaci Bulgaria-Italia