Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 Piattaforma della Federazione dei Comunisti Anarchici della Bulgaria 
(Federatsia na Anarkho Komunistite ot Balgaria - FAKB), 1945

Basi fondamentali

Noi rifiutiamo l'attuale sistema sociale della centralizzazione statalista e del capitale, perché fondato sul principio dello Stato, che è contrario all'iniziativa e alla libertà popolare. Il potere tutto significa privilegio economico, politico o spirituale. La sua applicazione sul piano economico è rappresentata dalla proprietà privata; sul piano politico dallo Stato; sul piano spirituale dalla religione. Queste tre forme di potere sono collegate. Se si tocca una, le altre si modificano, e di converso se si conserva una forma di potere, inevitabilmente comporterà la riaffermazione delle altre due. Ecco perché noi ripudiamo il principio stesso del potere.

Noi siamo partigiani dell'abolizione della proprietà privata, dello Stato e della religione, nonché della soppressione completa di ogni forma di istituzione di costrizione e di violenza.

Noi rifiutiamo ogni insegnamento ed ogni movimento sociale, politico ed economico-politico il cui obiettivo sta nel mantenere lo Stato, la proprietà privata, la chiesa, la costrizione e la violenza nei rapporti sociali.

Noi ripudiamo il fascismo, che rappresenta un tentativo storico di restaurare l'assolutismo, l'autocrazia e la potenza della forma politica del potere allo scopo di difendere il dominio economico e spirituale delle classi privilegiati.

Noi rifiutiamo la democrazia politica, perché essa non prevede la scomparsa del principio di potere, che conduce al disorientamento delle masse popolari, trascinandole con menzogne ed illusioni in lotte contrarie ai loro interessi e corrompendole, tramite l'esercizio del potere ed il mantenimento degli appetiti per il dominio. Inoltre, la democrazia politica si dimostra totalmente incapace di risolvere i grandi problemi sociali ed alimenta il caos, le contraddizioni, la criminalità conseguente al fatto che la società è basata sullo Stato centralizzato ed il capitalismo.

Noi ripudiamo il socialismo di Stato perché conduce al capitalismo di Stato: la forma più mostruosa di sfruttamento economico, di oppressione e della totale dominazione delle libertà sociali ed individuali.

Noi siamo per il comunismo anarchico o comunismo libero, che sostituirà la proprietà privata con la socializzazione completa delle terre, delle fabbriche, delle miniere, di tutti gli strumenti della produzione e dei beni. Lo Stato sarà sostituito con la federazione delle libere comuni, unite a livello provinciale, regionale, nazionale ed internazionale. La chiesa e la religione saranno sostituite con una libera morale individuale ed una visione scientifica.

Il comunismo anarchico, a differenza di ogni altra concezione e organizzazione socioeconomiche e politiche, è federalista.

La nuova organizzazione sociale che prenderà il posto dello Stato sarà costruita e funzionerà dal basso verso l'alto. Tutti gli abitanti di un villaggio formeranno la libera comune locale e tutte le libere comuni locali si uniranno a livello provinciale, regionale, nazionale ed internazionale in unioni e federazioni ed in una confederazione generale sociale universale.

La nuova organizzazione produttiva della società sarà formata da una rete compatta di innumerevoli imprese agricole locali, di artigiani, miniere, industrie, trasporti, ecc., uniti a livello provinciale, regionale, nazionale ed internazionale in unioni e federazioni di produzione, in una confederazione generale della produzione.

La nuova organizzazione di scambio, di consumo e di distribuzione della società sarà ugualmente rappresentata da una fitta e complessa rete di organizzazioni, unioni e federazioni provinciali, regionali e nazionali, raggruppati in una confederazione generale di scambio e consumo per il soddisfacimento dei bisogni degli abitanti di ogni luogo.

Alla stessa maniera sarà organizzata ogni attività sociale umana, dai trasporti alle comunicazioni, dall'educazione alla sanità, ecc. In questo sistema organizzativo di tutte le funzioni dei vari aspetti della vita sociale, non ci sarà posto nella società per alcun potere di un individuo su un altro, né per alcuno sfruttamento dell'uomo da parte dell'uomo.

Il principio fondamentale della produzione e della distribuzione per la costruzione del nuovo sistema sociale sarà: Ognuno produrrà secondo le sue forze e le sue possibilità ed ognuno riceverà secondo i suoi bisogni.

La tattica

La realizzazione di questo ideale sociale di uguaglianza, di solidarietà e di libertà non può essere che compito delle masse dei lavoratori e dei contadini uniti, ispirati dal comunismo anarchico ed organizzati nei gruppi ideologici, professionali, di scambio e consumo, culturali ed educativi.

Il comunismo anarchico, nel ripudiare lo Stato, rifiuta la partecipazione dei lavoratori agli organismi amministrativi ed alle istituzioni dello Stato, al parlamento ed ad ogni votazione per la gestione ufficiale dello Stato.

L'anarchismo riconosce, come unico mezzo di lotta efficace, e come difesa degli interessi quotidiani delle masse lavoratrici, così come per la realizzazione dell'ideale completo di libertà dell'umanità, l'azione diretta dei lavoratori stessi, messa in pratica dalle organizzazioni economiche, espressa tramite scioperi, sabotaggi, boicottaggi, scioperi generali, insurrezioni e la rivoluzione sociale. Di conseguenza, l'anarchismo rifiuta ogni forma di organizzazione e di lotta dei partiti politici, considerandole sterili ed inefficaci, e perché non rispondono agli obiettivi ed ai compiti immediati ed agli interessi dei lavoratori delle città e delle campagne. La vera forza dei lavoratori sta nell'economia e nelle loro organizzazioni economiche. Solo lì si trova il terreno giusto dove minare il capitalismo. Solo lì esiste la vera lotta di classe.

L'organizzazione

La radicale rielaborazione sociale prevista dal comunismo anarchico richiede l'azione organizzata di tutte le forze sulle quali incombe questo compito storico. E' necessario anzi tutto che coloro che sono partigiani del comunismo anarchico siano organizzati in una organizzazione ideologica comunista anarchica.
I compiti di queste organizzazioni sono:

  • lo sviluppo, la realizzazione e la diffusione delle idee del comunismo anarchico;
  • lo studio di tutte le questioni attuali e vitali della vita quotidiana delle masse lavoratrici e dei problemi della ricostruzione sociale;
  • la lotta multiforme per la difesa della propria ideale sociale e la causa del popolo lavoratore;
  • la partecipazione alla creazione di gruppi di lavoratori a livello di produzione, di professione, di scambio e consumo, della cultura e dell'educazione e di ogni altra organizzazione utile alla preparazione della ricostruzione sociale;
  • la partecipazione armata ad ogni insurrezione rivoluzionaria;
  • la preparazione e l'organizzazione di queste;
  • l'utilizzo di ogni mezzo utile all'avvicinamento della rivoluzione sociale.

Le organizzazioni ideologiche comuniste anarchiche sono assolutamente indispensabili per la realizzazione completa del comunismo anarchico fino alla rivoluzione e dopo.

Queste organizzazioni sono formate a livello locale e di quartiere. Ogni organizzazione di quartiere o di località sceglie un segretario il cui compito è di tenere i contatti con le altre organizzazioni simili. I segretari di tutte le organizzazioni di quartiere di una zona avente un certo numero di abitanti costituiscono una organizzazione generale di località. Tutte le organizzazioni locali si uniscono, per provincia e regione, in unioni provinciali e regionali. I contatti tra queste unioni sono assicurati dai rispettivi segretari. Tutte le unioni regionali del paese si uniscono nella federazione dei comunisti anarchici della Bulgaria. L'attività è coordinata dalla segreteria federale. I membri di ciascuna segreteria fanno parte dell'organizzazione locale del loro luogo di residenza, e ciascuna loro iniziativa passa obbligatoriamente per l'organizzazione locale ed appare come iniziativa di quest'ultima. Le segreterie non sono altro che organi di collegamento ed esecutivi, privi di ogni potere.

I militanti delle organizzazioni ideologiche comuniste anarchiche possono solo essere comunisti anarchici.

Un secondo tipo di organizzazione è quello dei sindacati dei lavoratori, ugualmente basati sul principio federativo, per impresa o per categoria, uniti in unioni di produzione o professionali, un una federazione generale dei sindacati dei lavoratori.

Queste organizzazioni formate con la partecipazione dei comunisti anarchici adottano come tattica l'azione diretta e rigettano le lotte dei partiti politici e l'ingerenza dei partiti politici nelle organizzazioni dei lavoratori.

I loro compiti sono:

  • la difesa degli interessi immediati della classe operaia;
  • la lotta per il miglioramento delle condizioni di lavoro dei lavoratori;
  • lo studio dei problemi della produzione;
  • il controllo della produzione;
  • la preparazione ideologica, tecnica ed organizzativa di una ricostruzione sociale radicale, in cui avranno l'obbligo di assicurare la produzione industriale.

I membri di queste organizzazioni possono essere tutti i lavoratori che ne accettano la struttura, la tattica ed i compiti.

Quando le condizioni non consentono l'esistenza di tali organizzazioni, i lavoratori comunisti anarchici aderiscono ad altre organizzazioni sindacali indipendenti dei lavoratori e difendono i loro concetti di azione diretta ed antipartitica. Una simile organizzazione oggi sembra corrispondere all'ORPS (1).

Un terzo tipo di organizzazione deve raggruppare i contadini. Queste sono le organizzazioni professionali agricole create localmente e unite per provincia, per regione e razionalmente in una federazione generale, che, con la federazione dei sindacati dei lavoratori, forma la confederazione nazionale del lavoro.

I compiti delle organizzazioni professionali sono:

  • di difendere gli interessi dei contadini senza terra, con poca terra e di piccoli tenute;
  • di organizzare dei gruppi agricoli di produzione, di studiare i problemi della produzione agricola;
  • di prepararsi alla futura ricostruzione sociale nella quale esse saranno i pionieri della riorganizzazione della produzione agricola, allo scopo di assicurare la sussistenza di tutta la popolazione.

Le organizzazioni agricole professionali sono costruite sulla base della professione e rifiutano ogni lotta dei partiti politici e la loro ingerenza nell'organizzazione. Esse applicano la tattica dell'azione diretta, finché sia possibile, nelle loro condizioni specifiche, che possono arrivare fino al rifiuto di pagare le imposte, al boicottaggio dello Stato, agli scioperi di produzione, ecc.

Possono essere membri di queste organizzazioni tutti i contadini senza terra, con poca terra o piccole tenute, che dedicano i loro sforzi o lavorano essi stessi la propria terra o una parte affidata loro, senza utilizzare il lavoro salariato di altri.

Dove non esistono le condizioni per creare tali organizzazioni, i contadini comunisti anarchici possono appartenere ad altre organizzazioni professionali simili, allo scopo di introdurvi la loro visione di azione diretta e di lotta contro i partiti, e della tattica dell'azione diretta contadina. L'OZPS (2) potrebbe essere questa organizzazione.

Un quarto tipo di organizzazione è quella delle cooperative. I comunisti anarchici partecipano ad ogni genere di cooperativa, portandovi lo spirito della solidarietà e dell'appoggio mutuo contro lo spirito di partito ed il burocratismo. Le cooperative agricole di produzione meritano oggi un'attenzione particolare, perché abbiano una grande portata e giochino un ruolo educativo decisivo per la costruzione futura del sistema sociale comunista anarchico.

Un altro tipo di organizzazione è quella dei giovani, delle donne, dei gruppi contro l'abuso di alcool, gli esperantisti ed altre organizzazioni culturali, alle quali appartengono tutti i simpatizzanti delle idee e della lotta delle organizzazioni ideologiche ed economiche comuniste anarchiche del popolo lavoratore.

I rapporti tra tutte le organizzazioni di cui sopra sono basati su un principio di funzionamento che riconosce la piena libertà ed indipendenza dei membri e delle organizzazioni ed esclude ogni intervento esterno ed ogni subordinazione di una organizzazione ad un'altra. La dipendenza reciproca tra i vari tipi di organizzazione si basa solamente sulla loro comunanza e sulla loro unità ideologica, sulla finalità comune alla quale tutte aspirano.

Le decisioni organizzative nelle organizzazioni comuniste anarchiche vengono prese all'unanimità e non secondo la maggioranza dei voti. La decisione della maggioranza non è impegnativa per la minoranza; si cerca sempre la persuasione. Nella pratica, il più delle volte la minoranza si unisce alla decisione della maggioranza, e si riserva il diritto di esprimere, dopo la prova dei fatti, la giustezza della sua posizione. Grazie a questo principio, largamente applicato nel movimento anarchico, appaiono raramente le scissioni, le inimicizie e le liti.

Tuttavia, nelle organizzazioni economiche di massa e nelle altre organizzazioni, le decisioni vengono prese a maggioranza e sono impegnative, perché solamente così si può creare quell'unità, che è assolutamente indispensabile nelle organizzazioni di massa. Ma in alcuni casi di profondo disaccordo, la minoranza può ritenersi libera dall'obbligo di applicare una decisione generale, a patto che essa non impedisca l'esecuzione di questa decisione.

Tutte le organizzazioni nominate hanno come compito la preparazione, a livello del paese, della ricostruzione sociale radicale. Durante la rivoluzione sociale, esse realizzeranno, ciascuna nella propria area di competenza, l'esproprio e la socializzazione dei mezzi di produzione e di tutti i beni.

Compiti immediati

In questo momento, la federazione dei comunisti anarchici della Bulgaria segue le seguenti parole d'ordine:

  • La formazione di liberi consigli e comitati locali di operai e contadini eletti direttamente, e non in quanto rappresentanti dei partiti politici, organizzati e controllati dal popolo. Questi consigli e questi comitati devono prendere in mano interamente, o controllare, la direzione politica del paese.
  • Il ruolo di questi consigli e comitati è di esprimere i desideri delle masse lavoratrici e di coordinare gli sforzi di tutti per costruire e far funzionare un intero sistema sociale. Uniti a livello locale, regionale e nazionale, essi rappresenteranno la forza politica, il pensiero e la volontà di tutto il popolo.
  • L'adesione da parte degli operai e contadini bulgari all'Associazione internazionale dei Lavoratori per la difesa degli interessi mondiali dei lavoratori ed ostacolare una prossima guerra.
  • Il rifiuto chiaro e categorico di ogni forma di collaborazione di classe.
  • Il riconoscimento del diritto dei lavoratori di lottare per difendere i propri interessi materiali e migliorare le proprie condizioni, e di scioperare.
  • Il controllo operaio della produzione e la partecipazione ai benefici.
  • La diminuzione delle differenze di salario e di remunerazione tra le varie categorie di funzionari, lavoratori statali, lavoratori del settore privato, al fine di creare un salario famigliare.
  • L'esenzione da ogni imposta e contributo per i lavoratori, piccoli impiegati, piccoli contadini e di ogni categoria sociale a basso reddito.
  • L'associazione cooperativa agricola libera e volontaria.
  • La cooperazione libera e volontaria delle piccole imprese artigianali.
  • Il passaggio progressivo ad un completo sistema cooperativo di scambio, di distribuzione alimentare e di consumo, e ad un'elaborazione cooperativa che includa il commercio interno ed esterno e la sicurezza sociale.
  • L'aumento dei prezzi della produzione agricola fino ad un livello medio e la diminuzione fino allo stesso livello dei prezzi dei prodotti industriali, prendendo come base i prezzi reali al dettaglio ed una remunerazione giusta ed egualitaria del lavoro nelle città e nelle campagne.
  • L'organizzazione della lotta contro la speculazione ed il mercato nero da parte delle associazioni professionali dei produttori, di scambio e consumo degli operai e contadini, e per la pubblica denuncia e riprovazione di tutti gli speculatori e trafficanti.
  • La creazione ed il messo a punto dei rapporti commerciali regolari e di qualità in tutto il paese, ed il soddisfacimento rapido dei bisogni di articoli di prima necessità: indumenti, calzature, ecc., con importazioni dall'estero.
  • Il riequilibrio finanziario del paese, semplificando l'apparato burocratico, con un budget ed un'economia di Stato reali, e non provvisori, con una riduzione completa di tutte le spese inutili come quelli per la guerra ed altri scopi, con un aumento reale, e non demagogico, della produzione nazionale.
  • La libertà totale della parola, di stampa militante e di assemblea per tutte le persone non fasciste. La soppressione di ogni controllo di Stato e di polizia - residui dell'epoca fascista - sulle cooperative, sui sindacati e sulle altre organizzazioni. In questo campo, il governo deve mantenere le sue promesse.
  • L'opposizione ad ogni dittatura, qualunque sia il suo nome o colore.
  • La soppressione della pena di morte, di tutte le leggi speciali.
  • La scomparsa di tutti i campi di concentramento e di lavoro, o degli istituti di lavoro al fine di punire; la dissoluzione dello stesso sistema dei lavori forzati, applicato come misura poliziesca.
  • La lotta contro i resti del fascismo e vigilanza contro ogni attività antipopolare, messe in pratica da tutte le organizzazioni professionali, di produzione e ideologiche degli operai e dei contadini.
  • Il raggruppamento di tutti gli elementi lavoratori e democratici in un'unione paritaria e militare per resistere seriamente ed efficacemente alla crescente reazione.
  • Le riparazioni delle conseguenze della guerra da parte dei criminali di guerra.
  • Il licenziamento totale dell'esercito, la soppressione della leva obbligatoria e dell'educazione militarista della gioventù sia dentro che fuori dei centri scolastici.
  • La creazione di una milizia popolare volontaria (e non di partito) dove il reclutamento sarà unicamente su base operaia e contadina, e controllato dalle organizzazioni degli operai e dei contadini.
  • Istruzione ed educazione scientifica integrale, liberata da ogni influenza di partito politico e di classe, generalmente accessibile alle nuove generazioni.
  • L'assistenza medica gratuita e massiccia all'intero popolo.
  • La totale esclusione dell'ingerenza religiosa nell'insegnamento e nella famiglia.
  • L'assistenza alla popolazione sotto il controllo delle organizzazioni professionali, di produzione ed ideologiche degli operai e dei contadini.
  • Una politica estera pacifica ed un sentimento di amicizia cordiale verso tutti i popoli, senza alcuna preferenza razziale.
  • Pane, libertà, pace e lavoro per tutti i lavoratori e gli strati progressisti del popolo bulgaro.

Viva la solidarietà internazionale dei lavoratori!

Viva il comunismo anarchico!


Testo ripreso dal sito web della Fondation Pierre Besnard (www.fondation-besnard.org). Traduzione dal francese di Nestor McNab.

Note:
(1)(2) Non abbiamo ritrovato queste organizzazioni che indicano rispettivamente un sindacato degli operai ed un sindacato degli agricoltori.

Fonte: Federazione dei Comunisti Anarchici

 




Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura CittÓ e LocalitÓ Economia Folklore Informazioni Politica e Governo SocietÓ Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)