Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
 L'ORO PIÙ ANTICO DELLA CIVILTÀ UMANA 
testo e fotografie di Nikolai Ghenov
Nel 1972 il trattorista Raicio Marinov scavando nei pressi della città di Varna un canale per cavi elettrici, scopri un braccialetto d'oro che pesava 268 grammi ed altri oggetti d'oro che raccolse e consegnò al museo della città. Lo stesso anno l'archeologo Ivan Ivanov iniziò in quel luogo gli scavi. Vi rinvenne il più antico tesoro d'oro che l'umanità avesse mai conosciuto. E' vero che singoli oggetti risalenti all'epoca calcolitica, ossia a circa 6500 anni fa, erano stati scoperti anche in altre parti dell'Europa, ma il loro peso totale non superava mai il mezzo chilogrammo.

Gli scavi archeologici presso Varna proseguono. E' ormai certo che si tratta di una grande necropoli su un'area di 7'500 mq, in cui finora sono state scoperte 265 tombe. In 45 di esse sono stati trovati 3000 oggetti d'oro in tutto del peso di oltre 6 chilogrammi. In una delle tombe gli oggetti trovati erano ben 216.

A ragione la scoperta della necropoli di Varna ha sollevato diversi interrogativi davanti agli studiosi di preistoria di tutto il mondo e le sono stati dedicati alcuni autorevoli simposi scientifici.

Scheletro scoperto in una delle tombe.

Scheletro scoperto in una delle tombe.
Figure con raffigurazioni di tori, trovate tra i reperti di una grande necropoli nei pressi della città di Varna

Figure con raffigurazioni di tori, trovate tra i reperti di una grande necropoli nei pressi della città di Varna

E' interessante il fatto che ancora non è stato scoperto il villaggio in cui abitavano gli uomini i cui resti sono stati rinvenuti nella necropoli di Varna. Probabilmente vivevano in palafitte sulle acque del lago di Varna. Intanto le ricerche archeologiche subacquee non possono ancora dare una risposta categorica in merito. In una delle tombe è stato trovato lo scheletro di un uomo che, secondo la ricostruzione, doveva essere alto 175 cm, di circa 40-50 anni d'età, di corporatura atletica e di grande forza fisica. I lineamenti del cranio indubbiamente rivelano la presenza di forte carica intellettuale. Gli studiosi affermano che quella persona non si occupava di lavoro fisico. Il ritrovamento anche di armi nella sua tomba rivela che il defunto era anche guerriero. Fra gli oggetti d'oro del peso complessivo di 1516 grammi fa particolare impressione il fallo di metallo che conferma che l'uomo svolgeva anche funzioni sacerdotali. Come è noto in quei tempi uno dei culti più diffusi era quello della fecondità. Secondo quel culto al capo della tribù spettava l'onore di fecondare la Dea madre, la cui immagine terrestre era la sacerdotessa del santuario tribale. Con questo atto si effettuava, la fecondazione simbolica della terra affinché dia abbondanza per tutta la tribù.

Probabilmente la necropoli di Varna conservi ancora molti segreti.

Ora l'oro di Varna sta girando tutto il mondo. Milioni di persone hanno visitato le mostre in cui viene esposto. La televisione giapponese ne ha fatto anche un lungometraggio. E a ragione si è cominciato a parlare delle tracce della prima civiltà in Europa.

Oro di Varna


Originale recipiente di argilla, alla quale è stata aggiunta polvere d'oro.


Originale recipiente di argilla, alla quale è stata aggiunta polvere d'oro.

Maschera appartenente probabilmente a qualche capo delle tribù locali. E' stata scoperta nel lago di Varna

Maschera appartenente probabilmente a qualche capo delle tribù locali. E' stata scoperta nel lago di Varna

Fonte: rivista "Bulgaria"



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)