Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 STEFAN TZANEV 
Stefan Tzanev | Poesie 12345


STIMULUS VIVENDI

Tranquillamente getto uno sguardo indietro.
La mia vita non era nè vuota, nè corta.
Non mi va di morire,
ma non di paura,
mi fa rabbia non vedere
cosa accadrà
dopo.


AL TEATRO (NA TEATARA)

Quando vedi una tragedia
l'anima tua si rallegra, perché dici:
non sto mica tanto male?...
Se soffre qualcuno, dici:
ma io sto proprio bene!...
Se muore qualcuno, dici:
ma io sono vivo, dunque sto meglio!...
Quanto più tremenda é la tragedia -
sai che ti senti meglio, meglio...
Perciò, quando sei triste,
quando non vedi nessuna uscita,
corri al primo teatro che vedi
e guarda la tragedia più tremenda che ci sia,
per rallegrarti l'anima!


ENIGMA (TAINA)

I vecchi si inoltrano nel bosco
soli, a due, in gruppo
avanzano, si muovono lenti,
si tolgono il cappello,
ridacchiano piano,
si fondono con i tronchi oscuri,
avanzano sempre più in dentro.
Settimo giorno giro intorno,
sto in agguato per tutti i sentieri.
I vecchi si inoltrano nel bosco soli,
a due,
in gruppo avanzano,
si muovono lenti,
tolgono il cappello,
ridacchiano piano,
si fondono
con i tronchi oscuri,
avanzano sempre più in dentro.
Dio santo,
nessuno esce da lì.


SCELTA (IZBOR)

Lo so, mi giudicherai male
che non riesco rallegrarmi
in questi giorni euforici.
Come diceva un critico
(può essere vero)
che dal mio laboratorio poetico
dal bianco spunta il nero.
Perdona
Prosti
Mi rallegra la libertà.
Ma ho la strana sensazione e paura
di una nuova ricaduta.
Perciò preferisco essere corvo,
che canta a nozze,
che usignolo a funerale.


DIREZIONI (NAPRAVLENIA)

Sinistra - destra - avanti - indietro...
confondiamo:
nemici oppure fratelli?
Sempre più conoscenti.
Sempre meno amici.


VERITÀ (ISTINA)

Non la verità scritta nero su bianco.
Non la verità seminata nella tomba,
ma la verità detta a voce alta:
(come una bomba, nascosta in tasca
il silenzio divampa pericoloso).


SPERANZA (NADEZHDA)

Spero,
che non mi insegnerete ora,
come essere tranquillo e mite.
Il Poeta non può essere servo,
può essere solo la spada.


AUTOEPITAFFIO

Sempre più spesso scruto le stelle fredde.
Sempre più spesso sogno l'ultimo giorno.
Piangeranno tutti, tutti piangeranno per me.
Chi di dolore, chi di colpa,
chi di invidia, chi di altre cose...
Solo io, sdraiato tra i fiori,
gelido, superbo, insensibile, importante.
Senza afflizione. Solo io.
Perché tra tutti gli addolorati, solo io non saprò
di essere morto.


ANORMALITÀ (ANORMALNOST)

Esiste qualcosa di anormale
in questo mondo.
Camino disperato per il tenero pianeta,
la metà dell'umanità muore di fame,
altra metà fa le diete.


DEDICA (POSVESTENIE)

Vieni al mio sepolcro, passa con le dita
le lettere del mio nome sulla croce.
Fermati munito, due, tre,
pensa a me come nuovo inizio
e allora risorgerò con anima e corpo.
Vivo sarò minuto, due, tre,
anche un giorno,
finché tu pensi a me,
ti sarò sempre intorno.


Traduzione dal bulgaro: Mariana Popova


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)