Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
 IVAN VAZOV (1850-1921) 

Poeta nazionale per eccellenza Ivan Vazov nasce a Sopot il 27 giugno 1850. Istradato a studi commerciali, nel 1870 si trasferisce in Romania, dove si avvicina ai circoli degli emigrati bulgari che lottano per rendere indipendente la loro patria. L'esordio letterario, coronato da successo, è del 1872: sulla rivista "Periodichesko spisanie" (Rivista periodica) viene pubblicato il poemetto Borat (Il pino), accolto con vivo entusiasmo dai giovani patrioti bulgari. Dopo la liberazione della Bulgaria nel 1878, Vazov torna in patria e comincia un'intensa attività politica. Durante la dittatura di Stambolov è costretto a riparare a Odessa. Qui compone il romanzo Pod igoto (Sotto il giogo), una delle opere più importanti della letteratura bulgara. Rientrato in patria nel 1889 fonda la rivista "Dermica" (Stella mattutina) alla quale collaborano i giovani letterati più promettenti. Dal 1897 al 1899, caduto Stambolov, torna alla politica e ricopre la carica di Ministro della Pubblica Istruzione. Lasciato l'incarico ministeriale si dedica totalmente a commentare da letterato gli avvenimenti politici e sociali della sua patria, vivendo da vicino le speranze e le delusioni dei suoi connazionali. Muore a Sofia il 23 settembre 1921. L'opera di Vazov abbraccia tutti i generi letterari: dalla lirica al romanzo, dalla novella al dramma. Un soffuso sentimentalismo, cui fa da sfondo la storia culturale e civile del suo popolo, pervade i suoi scritti. Nei versi di Vazov risuonano accenti poetici dai toni differenti e non sempre il poeta riesce a mantenere elevato il canto. Eppure la sincera passione che lo guida in tutte le sue opere in versi - tra le quali vanno ricordate le odi storico-filosofiche, composte negli anni ottanta, raccolte in Epopeja na zabravenite (Epopea dei dimenticati) -, fa si che Vazov debba venir considerato un punto di riferimento ineludibile per tutto il mondo letterario bulgaro a lui contemporaneo, sia per quanti vorranno seguire le sue orme sia per quanti vorranno opporsi all'imperante "vazovismo"di maniera.

[Fonte: Parnaso Europeo - Ed. Lucarini]


IL PINO (BORAT)

Là dove vedi, superbo titano,
lungo la tracia valle,
levare al cielo l'eccelso Balcano
le granitiche spalle;

là dove sulla base di granito,
fra colline fiorite e verdeggianti
alza la fronte ardito,
e intorno echeggian di sussurri e canti
le cascate, lo zefiro, gli uccelli,
il fogliame, i ruscelli;

in quel cantuccio di gaiezza pieno,
paradiso terreno,
solleva muto le ingiallite chiome
uno stira vegliardo e mesto come
un ricordo silente del passato,
fra novelle bellezze rinnovato.

C'è chiasso intorno: là tutto è silente,
tutto è immerso nel sonno quotidiano,
ed appena si sente
della cascata il fragore lontano.

E quello stira placido e vetusto,
sulla chiesetta con antichi santi,
solleva il pino il suo fogliame augusto
fino alle nubi nere sovrastanti.

I rami come un cedro secolare
del Libano ha distesi e immerso pare
in sogni sacri e misteriosi e intanto
ombra fa intorno al tempio e al camposanto.

I più vecchi fra i monaci del sito
lo ricordan tosi, sempre lo stesso,
sempre grande così, né han mai sentito
quando abbia qui le sue radici messo.

E chi sa mai quante gloriose e quante
gesta ricorda di cui è stato muto
testimone nei secoli il gigante
nella gloriosa vita che ha vissuto!

Ha vissuto così secoli interi
in lotta eternamente
con tempeste e tormente,
e i rigidi invernali freddi e i fieri
calori estivi scorsi senza traccia
gli sono sulla faccia.

Ma quando giunse nel pieno splendore
della bellezza sua, del suo vigore,
un brutto dì
un destino fatale
proprio d'ogni mortale
anche il pino colpì.

In una notte scura nera nera
uno schianto terribile si sente,
ed improvvisamente
si scatena furiosa una bufera.

Rintronavan le valli e le campagne,
fischiava il vento,
ruggivan le montagne,
sussultava il Balcano turbolento…
Tutto travolse nella notte scura
l'ira della natura.

Indomito, accigliato,
altero come sempre e insofferente,
lottò il gigante contro la tempesta,
finché spossato
chinò vinto la testa
e al suolo cadde fragorosamente.

Eccolo a terra! Al suol giace supino:
com'è grande e solenne a terra steso
il secolare pino!
del suo vigor compreso
levava fino a ieri all'orizzonte
l'altera fronte.

Della bufera si placò il furore
poi che il gigante altero fu abbattuto,
e cordoglio e rimpianto e culto e onore
per l'insigne caduto
fecero posto all'ira d'un minuto.


MUSALLÀ (MUSALLA)

In alto ti sollevi,
o gran gigante fiero,
e a l'oceano de' cieli
tendi la vetta altero.

Che guardi, di là su,
dal caos turbinoso?
che cerchi a l'orizzonte,
attento e silenzioso?

Sei grande, irraggiungibile,
ma ancor sembri anelante
a sollevarti ai cieli
per veder più distante.

- I miei segreti vuoi? -
domandò il gran vegliardo
- I bulgari confini
illimitati guardo!


ALL'ITALIA (ITALIJA)

Salute, Italia, terra beata,
terra celeste di carmi e suoni,
terra del genio, delle canzoni,
salute, o terra d'ogni beltà!

Terra d'eterni poeti, eterna
terra di Tasso, Petrarca, Dante,
o del sonetto terra fragrante,
salute, Italia, terra d'amor!

Salute, Italia! Lontana ancora
è la tua gaia riva gloriosa,
a te già vola l'anima ansiosa,
ahi, della nave lento è l'andar!

Volo ai tuoi monti, agli Appennini,
al tuo fumante Vesuvio, ai vaghi
tuoi continenti, ai mari, ai laghi,
volo ai tuoi ruderi, ai tuoi castelli!

Io del Balcano libero figlio
con slancio d'aquila levarmi anelo
alle celesti volte, al tuo cielo,
d'aria son ebro, di libertà.

Verso te volo, a te saluto
porto dei ceruli nostri orizzonti,
delle nevose vette dei monti
delle divine valli di rose.

A te il saluto della Bulgaria.
Sovr'essa il manto maggio distende,
come te anch'essa brilla, risplende,
nella speranza, nei canti e fiori.

Naviga, o nave, portami là,
dove maturano d'oro i limoni,
là dove eterni son canti e suoni,
sotto i benefici doni del ciel!


IL VESUVIO (VEZUVIJ)

Ne la corazza sua di lava nera,
presso l'azzurro mar, solo ed irato,
scuro gigante levasi il Vesuvio
e il cielo annebbia col suo denso fiato.

Pompei, Ercolano e Stabia a le sue falde
come scheletri dormon dissepolti;
il mare canta, mormora e riluce
e sussurran de' mirti i boschi folti.

Scende la notte, la natura tace,
s'addormentano i boschi e il mar silente,
e il vegliardo gigante sempre desto
rischiara il cielo col suo fiato ardente.

[Traduzione dal bulgaro: Enrico Damiani]



Richiedi le pubblicazioni dell'Associazione Bulgaria-Italia
Antologia della Poesia Bulgara - a cura di
Leonardo Pampuri
Antologia del Racconto Bulgaro -
a cura di Giuseppe Dell'Agata


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie
  Premio "Nicola Ghiuselev" 2019
Import-Export della Bulgaria dei primi mesi del 2019
Teatro: "Scaramouche" a Sofia e Sozopol
Alberto Gandolfo con "Quello che resta" al Fotofabrika Festival Sofia
Bulgaria: investimenti nella tutela ambientale e innovazione

Tutte le notizie
    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS