Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 CANTI DELLA RESISTENZA BULGARA 

EHI, BALCANI!  (1943) - ХЕЙ ПОЛЕ ШИРОКО

Parole di Anonimo - Musica di Lèna Tchentchèva

Ehi, immenso altopiano,
immenso e verde, ehi!
Balcani, terra natia,
ehi, Balcani, terra nostra!
Di quante sofferenze foste testimoni!
Quanti segreti nascondete!
Ehi, Balcani, terra natia!

Sugli altipiani della patria
è apparso un giovane risoluto;
dai Balcani è disceso
col fucile stretto nel pugno.
È il comandante
dei nostri eroici partigiani.
Ehi, Balcani, terra patria!

E dietro a lui vennero i partigiani
con le bandiere al vento
e liberarono tutto il paese,
le città, i villaggi!
Questo è il canto della libertà
che il popolo ha fatto suo.
Ehi, Balcani, terra nostra!

Composta dalla regista L. Tchenchèva nel 1943 per una compagnia teatrale progressista. I partigiani se ne impadronirono subito mutandone le parole in senso politico. L'ultima strofa è stata aggiunta molto probabilmente nei giorni stessi della liberazione o in quelli immediatamente successivi.

Qui il termine "Balcani" è utilizzato in senso popolare e familiare con il significato di "montagne" (balkan) con il quale i Bulgari indicano la catena montuosa di Stara Planina (vecchia montagna) che attraverso il paese da nord-ovest fino al Mar Nero; per estensione è detta Penisola Balcanica tutto l'insieme dei territori a sud-est dell'Europa che si affacciano sull'Adriatico, lo Jonio, l'Egeo, il Mar di Marmara e il Mar Nero.





UN PARTIGIANO SI PREPARA PER LA LOTTA - ПАРТИЗАН СЕ ЗА БОЙ СТЯГА - MP3

Parole e musica di Anonimo

Un partigiano si prepara per la lotta
butta il fucile sulla spalla e se ne va;
«Addio mamma, addio papà,
addio cara sorellina
vado alla lotta spietata,
là dove si muore, là da dove non si torna»

Sei mesi son trascorsi
e la madre non ha più visto il figlio.
Una mattina giunge una lettera,
la madre credette che fosse di lui.

Nella lettera soltanto due-tre righe,
è dal Cemerna che scrivono:
«Tuo figlio ha perso la vita
combattendo contro il nemico,
era un buon compagno
e un valoroso partigiano».

La madre non pianse;
alzò la testa fieramente,
perché fu lei ad insegnare al figlio
la dedizione alla patria.

Il Cemerna o Tchoumerna è un monte di 1586 m nella Stara Planina (vecchia montagna) centrale, la catena montuosa che attraverso il paese da nord-ovest fino al Mar Nero.


 


UNA NEBBIA SPESSA E' SCESA - ТЪМНА Е МЪГЛА ПАДНАЛА - MP3
 

Parole di Slavtcho Transki sull'aria di un'antica melodia popolare.

Una nebbia spessa ha avvolto
la montagna Bokovska,
la pianura di Ianitch
e questa nostra capanna di pastori.

Quelli della banda, appena giunti
a questa nostra capanna di pastori
accesero un allegro e grande fuoco
perché s'asciugassero i vestiti.

E misero sull'avviso il comandante
poiché c'era qualcosa che non andava;
dissero di Stefano che si era appostato
e che improvvisamente vide dei poliziotti.

Dissero d'aver udito un secco comando
e che la banda si mise in posizione.
Le pallottole cominciarono a piovere
fu una lotta senza quartiere.

In quello scontro sanguinoso
Stefano e Velio persero la vita;
piccoli e grandi si misero a piangere,
a piangerli con profondo dolore.

Cadremo ancora a centinaia
ma riusciremo a seppellire il fascismo.
La lotta sarà dura e sanguinosa,
ma la libertà sarà nostra.



Questa canzone, come molte altre del repertorio dei partigiani operanti nel meridione del paese, si avvale di una melodia che appartiene al patrimonio epico e storico delle secolari lotte degli haiduti, contadini che si raccoglievano in bande per combattere i turchi e difendere i propri villaggi.

Queste bande, da un primitivo e generico spirito di ribellione, passarono progressivamente alla coscienza nazionale delle loro imprese e il movimento degli haiduti si trasformò in un vero e proprio movimento di liberazione, partecipando a tutte le lotte del Risorgimento fino alla vittoria finale sui turchi.



Incisioni: Canti della Resistenza europea 1933-1963 (1) (Complesso vocale e strumentale della Radiotelevisione bulgara)
Fonti: Libretto all. al cofanetto "Canti della Resistenza europea 1933-1963"




Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura CittÓ e LocalitÓ Economia Folklore Informazioni Politica e Governo SocietÓ Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)