Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 Shura e il suo bel camice bianco da infermiera... 
Sono Ernesto Ruggeri, vivo e lavoro a Savona, e desidero raccontarvi quando sta' accadendo ad una mia carissima amica di Bulgaria, nativa di Burgas, giunta in Italia per motivi di lavoro. Shura, questo è il suo nome, lavora oggi per una irrisoria cifra (£.750.000 al mese) ed oltre che assistere una anziana signora, malata di Alzeimer, giacché la sua professione è infermiera ed è specializzata in fisioterapia, svolge però anche tutte le faccende domestiche. Le sono concesse solo poche ore di libertà, al giovedì e al sabato.

Praticamente, anche se le viene fornito vitto e alloggio, non solo è sfruttata ma è stata ingannata, ed ora lei è, come ben si può comprendere, molto delusa e amareggiata, oltretutto profondamente lesa nella sua dignità professionale. Ha dovuto sostituire il suo bel camice bianco da infermiera, che tanto amava, con quello della collaboratrice domestica e che lei non si aspettava affatto di dover indossare.

E pensare che con le vigenti leggi in materia, chi entra in Italia con visto turistico non potrebbe svolgere nessuna attività lavorativa: Shura è dunque un altra delle tante vittime dello sfruttamento capitalistico. Nei confronti della manodopera, oltretutto altamente specializzata, dell'est europeo, gli sciacalli si arricchiscono, provocando un profondo squilibrio etico sociale, che inevitabilmente si ripercuoterà, come sta' in alcuni casi già accadendo, nei rapporti di convivenza iter-etnici.

Una soluzione, per Shura, l'avrei trovata, ma c'è sempre il problema del riconoscimento del diploma di infermiera professionale (equipollenza), giacché i diplomi, attualmente, non sono riconosciuti e bisogna seguire tutta una procedura burocratica che può durare anche anni prima che si ottenga il riconoscimento e dunque la sistemazione che le ho trovato è come ausiliaria, comunque sempre meglio dell'attuale e ciò che è importante assunta in regola con le normative vigenti.

L'infame sistema che permette di sfruttare la forza lavoro dell'est, però se si inoltra una regolare richiesta per ottenere la proroga di un visto, anche se concesso per turismo, per poter regolarizzare la sua posizione lavorativa, non solo non viene concesso, ma la costringe a rientrare in Bulgaria, negandole la possibilità di svolgere la sua professione. L'alternativa, per la mia amica Shura, sarebbe di riuscire a farla assumere in regola da questa famiglia di Milano, giacché a quanto pare sono molto potenti ed hanno amicizie politiche influenti, capaci di far ottenere un visto per turismo solo mostrando il "biglietto da visita" all'autorità consolare (in spregio delle leggi, quelle che impongono, a noi semplici lavoratori che desideriamo invitare un nostro conoscente dell'est, la documentazione che attesti un reddito che di certo un operaio non può avere), e quindi poi ottenuto il permesso di soggiorno trasferirsi a Savona. Lei ha però molta paura, teme per una eventuale ritorsione e di non poter poi più ottenere il reingresso in Italia.

La grave situazione economica della Bulgaria ha messo alla mercé di questi sciacalli un intero popolo e Shura rientrando in Bulgaria, ora non saprebbe come cavarsela, essendosi oltretutto licenziata dal Policlinico di Burgas, una decisione che dopo un anzianità di servizio di vent'anni non ha certo preso a cuor leggero. Ma cosa poteva fare la povera Shura? Oggi 150 leva, il suo stipendio da infermiera era questo, non bastano, e per poter vivere, appena dignitosamente, oggi in Bulgaria occorrono 500 leva. Una vera beffa dunque, è un altra di quelle storie di inganno e sfruttamento che si va' ad aggiungere a tutte le ingiustizie che stanno subendo i popoli dell'est, e nel caso specifico nei riguardi di una onesta donna lavoratrice di Bulgaria. Vi ringrazio, per lo spazio concessomi!

Fraterni saluti!

Ernesto Ruggeri

Savona, 30 agosto 2000



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)