Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 Mila Kjosseva: "La mia vita è la pallavolo" 

"Se continuerò ad allenare anche il prossimo anno? Non è questo il problema. Per il mio futuro c'è tempo, devo solo pensare alla squadra e a vincere il più possibile". Una sfida dopo l'altra, questa forse più impegnativa di quelle che ha affrontato nella sua carriera agonistica, ma anche nella vita. Di quest'ultima, però, non vuole parlare. "La mia vita è la pallavolo". Mila Kiosseva - tecnico della Romanelli - è nata a Pernik, in Bulgaria, il 5 giugno del 1963. Il volley diventa la prima passione, l'occasione per emergere, tanto che lascia la sua città natale, giovanissima, per andare a Sofia ed entrare nelle giovanili della squadra più importante della capitale, il Cska, poi l'esordio in prima squadra. È il 1981 l'inizio di una brillante carriera.

Oltre a sette scudetti vince la sua prima coppa dei campioni nel 1982, bissando il successo due anni dopo. Con la maglia della nazionale (conta 420 presenze) guida le compagne alla vittoria nel campionato europeo del 1981. Dopo aver raccolto riconoscimenti individuali (nel 2000 è proclamata giocatrice del secolo in Bulgaria) ed allori di squadra, decide di l'avventura in Italia iniziata nel 1989 con il Potenza in A2.

L'anno dopo è in A1 a Cassano. Quindi, due stagioni a Reggio Emilia, poi Roma fino al '96 e la Romanelli fino al 1998, quando decide si ritirarsi e, dopo qualche mese di riflessione, accetta l'incarico di direttore sportivo proprio della Romanelli. Questo è solo l'inizio di una nuova carriera che, probabilmente, neanche "Mizzi" (così la chiamano gli amici, ndr) pensava che arrivasse così in fretta. Dopo l'esonero di Daniele Berselli e le dimissioni di Stoyan Gountchev, il presidente Massimo Romanelli, rompendo gli indugi, decide di rinunciare al direttore sportivo, affidando la panchina della sua squadra a Kiosseva. Scelta dettata anche dalla vasta esperienza maturata sul campo dall'ex numero 3 della nazionale bulgara. "Dietro la scrivania, le pressioni e le responsabilità sono ridotte al minimo. Fino ad ora il mio compito era di costruire la squadra e organizzare le cose in modo che non ci fossero intoppi, solo dal punto di vista logistico. Adesso tutto è cambiato. Devi pensare agli allenamenti, preparare le partite, studiare le altre squadre, guardare videocassette. Insomma, il lavoro in palestra è solo una parte dei compiti di un allenatore".

Spesso i grandi campioni che diventano tecnici hanno, all'inizio, difficoltà a calarsi in questa realtà; vorrebbero vedere nei propri giocatori quelle caratteristiche che avevano prima di iniziare ad allenare. Succede anche a lei? "Le generazioni cambiano. Guardo le atlete di oggi e ripenso a come ero io all'inizio della mia carriera. Si pensava solo agli allenamenti, a giocare e a studiare. Capisco, però, che i tempi e le esigenze siano cambiati, probabilmente in meglio. Non posso però giudicare e dire che è giusto quello che si faceva ieri o quello che si fa adesso. Per quello che mi riguarda, non posso cambiare il modo di pensare e vedere la pallavolo. Non posso trasformare Mila in quello che non è".

Insomma, difficile vedere adesso atleti che rimangono in palestra ben oltre l'orario di allenamento.
"Non è solo quello. Bisogna riconoscere che le prestazioni atletiche sono migliorate, anche se andrebbero sviluppate meglio, magari con maggiore attenzione alla tecnica".

Giampaolo Marchini, La Nazione, 30.12.2001




Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)