Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
Italiano Benvenuti nel forum: è a vostra disposizione per porre delle domande, raccontare storie, scambiare opinioni sulla Bulgaria e i suoi rapporti con l'Italia, conoscere nuovi amici...  Informazioni e regolamento del Forum Bulgaro Добре дошли в форума! Той е на ваше разположение за вапроси, мнения, срещи с нови приятели, така както и за запознаване на обикновения италианец с България... Информация и правилник за Форума
 Club | Utenti | A-Z | Cerca | Statistiche | Il tuo profilo | Incontri | Annunci | Forum 
Nome utente:
Password:
Selezione lingua
Salva la password     Hai dimenticato la Password?

Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Forum in lingua italiana
 La vita in Bulgaria
 Trasferirsi in Bulgaria
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Pagina Successiva
Autore Discussione precedente Discussione Discussione successiva
Pagina di 2

goosenecklab
Utente

Messaggi 2

Spedito - 30/12/2013 :  22:36:19  Rispondi allegando il testo
Un saluto a tutti.
Avrei bisogno di alcune informazioni , forse banali , ma per me molto importanti.
Lavoro da casa e mi occupo perlopiù di web marketing , trading e web design.
Ho esigenza di trasferirmi in Bulgaria dato che il costo della energia è molto basso , oltre a voler aprire un SRL come passaggio successivo.
Come primo passo vorrei trovare un appartamento al costo più basso possibile , non mi importa vivere a Sofia (bellissima , già visitata) , almeno fin quando non sistemo tutte le carte , una città vale l'altra , ora devo risparmiare all'osso .
Per me è essenziale :
-Aprire un conto corrente in loco
-Pagare poco la corrente elettrica (ma già so che la Bulgaria e la più economica in Europa , 0,005 € x kw)
-avere almeno un contatore da 6kw , meglio 10kw
-avere una connessione internet a pacchetto (anche la classica adsl da tot € al mese h24).
-avere non troppo distante la fermata dei mezzi pubblici.
- in ultimi , ma più importante di tutto , fare le carte per il domicilio/residenza in loco
Tutto questo da italiana e privata

Trovato ciò , sposterei i miei pc e macchinari vari in appartamento e comincerei a lavorare .
Appena sistemata , fisserei un incontro con un commercialista per l'apertura di una srl e regolarizzare il mio lavoro .
Non ricordo se in Bulgaria è obbligatorio avere un "oggetto sociale" come in Italia e a Malta , oppure non serve come in UK.
Non ricordo neanche se c'è l'anonimato degli amministratori ma questa ultima cosa mi importa poco perchè dopo massimo 5/6 mese, se le cose andassero bene non avrei problema a lasciare l'italia o comunque fare 20 giorni in Bulgaria e 10 in Italia.
Insomma non voglio stare in Italia ed evadere , voglio proprio evadere io !

Se erroneamente ho sbagliato forum vi chiedo la gentilezza di indirizzarmi ove posso avere queste informazione , grazie mille ragazzi.

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 31/12/2013 :  09:23:45  Rispondi allegando il testo
Ciao Valentina, e benvenuta sul forum.

Mi e' piaciuta la tua chiosa; "non voglio stare in Italia ed evadere , voglio proprio evadere io"..
Manco che l' Italia sia una prigione..
Ti sta ballenando l'idea di trasferirti in Bulgaria, per continuare a fare il tuo lavoro, spendendo meno per il minor costo dell' energia, degli affitti, della tassazione, del carburante, bollo e assicurazione auto, in poche parole, perche' qui la vita costa meno ???.
Ma che "pazza idea", cantava la Pravo ..

Se non vuoi venire in Bulgaria per evadere il fisco, bulgaro stavolta, prima di lavorare, devi metterti in regola; o lavori come libero professionista e ti apri una ditta individale, o ti apri una SRL, ci sono dei pro e dei contro, ma secondo me sono notevolmente piu' i pro della SRL, i costi sono praticamente identici..
Un appartamento in affitto, qui a Varna, dove sto io, lo puoi trovare dai 100 euro in su', a meno non credo.., e sempre partendo dalla stessa cifra, lo trovi sempre un po' piu' grande, piu' ti allontani dai quartieri piu' centrali..
Sempre parlando di zone/quartieri/frazioni, ben serviti dai mezzi pubblici (cosa che mi pare, reputi indispensabile)..
Per aprire un c/c, nessun problema..
Come societa', (o ditta individuale che sia), sarai obbligata ad averlo, e sara' meglio fare passare tutte le operazioni, incassi e pagamenti, attraverso quel C/C.
Come privato, anche in questo caso, problemi zero.
E se lo apri prima di fare la richiesta di residenza, anche se non e' obbligatorio averlo per ottenerla, accellera la pratica, anche se dentro non c'e' quasi niente ...
I C/C, puoi aprirli anche e solo in Euro, e ovviamente, qualsiasi banca sceglierai, ti dara', dopo qualche giorno, una carta di debito, un bancomat, con la quale puoi pagare in lev e ritirare lev in contanti negli ATM , e dopo circa un annetto di movimentazioni, ottenere una carta di credito vera e propria ..
Sulla corrente elettrica, c'e' poco da aggiungere, visto che sai gia' del suo costo piu' basso d'europa, ma devo informati, che qui non esistono contatori con dei limiti di KW.

Paghi il consumo, solo il consumo.., hai KW a iosa !!!

Se ad un certo punto, ti serve avere acceso, condizionatore e frigorifero, stufetta elettrica da 2000 watt, boiler del bagno, 2 pc fissi e due portatili, e nel frattempo, vuoi pure cuocerti un pollo nel forno elettrico, stai tranquilla che il contattore non scattera' per il consumo..
Per le connessioni ad internet, c'e' tanta di qualla offerta da avere l'imbarazzo della scelta..
Con 20 lev al mese, ti danno una linea internet discretamente veloce (50mbps) , una 60ina di canali tv analogici.
Con qualche lev in piu', anche un centinaio di canali tv digitali (tra cui Rai uno, due e tre), anche in hd, due linee telefoniche fisse.., e velocita' internet portata a 100 o a 150 mbps .
Almeno questo offre il mio provider : http://blizoo.bg/bundles.html
Il palazzo dove ho l'ufficio era gia cablato da loro, e mi ci trovo bene.

La societa' che andrai a costituire qui in Bulgaria, deve avere un "oggetto sociale", ma alla fin fine, e come se non ce lo avesse..
Perche' si puo' (e infatti cosi' fan tutti), mettere di tutto e di piu'..
E per evitare di essersi dimenticati un qualcosa, lo si conclude con la frase "e tutto quello che e' consentito dalla legge".
Purtroppo qui non si possono fare SRL con i soci anonimi (almeno non in modo diretto )..
L'unica condizione, che dovrai rispettate per essere completamente ed unicamente, TU come persona fisica, obbligata a pagare le tasse SOLO ed ESLUSIVAMENTE IN Bulgaria, sara' quella di risiederci per almeno 185 giorni all'anno (non per forza continuativi..).
Mentre per la societa', essendo una societa' bulgara, quindi residente in Bulgaria, per dover pagare le tasse solo ed esclusivamente in Bulgaria, NON dovra' avere una stabile organizzazione in un paese estero, altrimenti il fisco di quel paese estero li'.., battera' cassa..

Mi sa', che e' tutto..

Auguri per un sereno 2014 !!!

Maurizio

Modificato da - maaric on 31/12/2013 09:49:44
Vai ad inizio pagina

goosenecklab
Utente

Messaggi 2

Spedito - 31/12/2013 :  13:45:43  Rispondi allegando il testo
Grazie mille Maurizio.
Adesso ho i tuoi riferimenti , se valutiamo la Bulgaria come soluzione sicuramente contatterò te.
L'unica cosa un po scomoda è che per Varna devo fare scalo 10 ore a Sofia ed il viaggio mi diventa non proprio comodissimo da Roma ma non escludo di spostarmi vicino Sofia come passaggio successivo ed avere comunque il tuo studio come consulenza.
Io in Italia sto perdendo la salute , ho gia da due anni unaSRl che vende servizi di telefonia e servizi di web marketing e programmazione(classico call center) ed ho una ventina di dipendenti con regolare busta paga , poi ho diversificato ed ho aperto da circa un anno un e-commerce di sigarette elettroniche e sto cercando dei delaer all'estero per il prodotto tartufo , insomma non è che stiamo proprio fermi.

Però ad oggi ho la crisi che mi da defalcato di 1/5 la produzione ( se primo vendevo 5 adesso vendo 1).
L'e-commerce della sigaretta elettronica dovrò chiuderlo entro domani dato che entrerà in vigore la legge che ci obbliga a rifornirci ai magazzini fiscali in Italia e quindi perdere TUTTO il ricarico che avevamo prendendo la merce direttamente negli Stati Uniti e in Cina , poi si è aggiunta la tassazione di oltre il 50% . In poche parole mi hanno fatto chiudere un e-commerce che faceva 400 visite al giorno e dalle 5 alle 10 vendite al giorno , pensa te !
La finisco qui , eventualmente , se sarà , te ne parlerò di persona.
Fatto c'è che ne ho piene le scatole ! Non ce la faccio più ! Basta , basta , basta
Fino all'età di 28 anni facevo il commerciale estero ed ho girato in lungo e in largo il mondo e forse è destino che non possa vivere in pace nel mio paese ma d'altronde non ci sono neanche nata e a questo punto neanche ci morirò.
Grazie Maurizio e auguroni a tutti



Modificato da - goosenecklab on 31/12/2013 13:46:09
Vai ad inizio pagina

utocava
Utente

Messaggi 28

Spedito - 01/01/2014 :  19:10:53  Rispondi allegando il testo
Che forti le tue parole, concordo con te cmq.
Io sto pensando di chiudere anche io in Italia, lavorando qui poi a Sofia come dipendente.
Mi occupo di telefonia VoIP, fornendo call center nel Salernitano, e diffondo banda larga a 5Ghz come provider Wireless.
Siamo in campi simili insomma ;)
Risentiamoci presto.
Buon Anno.
U
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 02/01/2014 :  11:01:20  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da goosenecklab

Grazie mille Maurizio.
Adesso ho i tuoi riferimenti , se valutiamo la Bulgaria come soluzione sicuramente contatterò te.
L'unica cosa un po scomoda è che per Varna devo fare scalo 10 ore a Sofia ed il viaggio mi diventa non proprio comodissimo da Roma ma non escludo di spostarmi vicino Sofia ....




Prego, Valentina, non c'e' di che' ..
Comunque, "conosco" gia' qualcuno della tua Caserta, e Varna, non gli risulta per niente scomoda ..
Invece di farsi 4 ore (minimo, credo..) per arrivare a Roma e poi atterrare a Sofia, prendono l'aereo da Napoli per Bucarest, poi da li' sempre 4 ore (massimo, di sicuro..) in auto, ci vogliono per arrivare a Varna ..
E visto che la sede fiscale di una societa', puo' essere in una citta' bulgara e LE sue sedi reali (uffici, negozi, magazzini etc. etc.), in qualsiasi altro luogo della bulgaria, senza particolari problemi burocratici, io ti suggerirei di ipotizzare come luogo per la sede fisica della tua attivita', la zona di Ruse.
Cosi' invece di farti 4 ore (caserta-roma o bucarest-varna), ne farai soltanto una..
E probabilmente, nella zona di ruse, puoi trovare sempre a 100 euro mensili, un qualcosa di piu' carino, visto che Sofia e Varna, se la giocano per la leadership, dal punto di vista quotazioni immobiliare, di citta' piu' cara della Bulgaria.
Senza considerare la comodita' (e il risparmio..) che da Bucarest puoi raggiungere (o arrivarci) con un solo volo aereo, in (o da) altre citta' italiane, a parte Napoli (Alghero, Bari, Bologna, Catania, Cuneo, Malpensa, Bergamo, Perugia, Pisa, Roma fiumicino e Ciampino, Treviso, Verona e Venezia (e questo solo con i voli di Wizzair..)).
E poi, da Ruse a Varna, una passeggiata di 3 orette, ogni tanto la si puo' anche fare, o/e viceversa..
E questo vale sia per te, che per me..
Qualche volta, scendi tu, qualche volta saliamo noi..
Al limite, qualche altra volta.., ci incontriamo a meta' strada.., a Shumen !!

Ancora auguroni ..

Maurizio

Modificato da - maaric on 02/01/2014 12:32:09
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 05/01/2014 :  06:45:28  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da goosenecklab

Un saluto a tutti.
Avrei bisogno di alcune informazioni , forse banali , ma per me molto importanti.
Lavoro da casa e mi occupo perlopiù di web marketing , trading e web design.
Ho esigenza di trasferirmi in Bulgaria dato che il costo della energia è molto basso , oltre a voler aprire un SRL come passaggio successivo.i
Come primo passo vorrei trovare un appartamento al costo più basso possibile , non mi importa vivere a Sofia (bellissima , già visitata) , almeno fin quando non sistemo tutte le carte , una città vale l'altra , ora devo risparmiare all'osso .
Per me è essenziale :
-Aprire un conto corrente in loco
-Pagare poco la corrente elettrica (ma già so che la Bulgaria e la più economica in Europa , 0,005 € x kw)
-avere almeno un contatore da 6kw , meglio 10kw
-avere una connessione internet a pacchetto (anche la classica adsl da tot € al mese h24).
-avere non troppo distante la fermata dei mezzi pubblici.
- in ultimi , ma più importante di tutto , fare le carte per il domicilio/residenza in loco
Tutto questo da italiana e privata

Trovato ciò , sposterei i miei pc e macchinari vari in appartamento e comincerei a lavorare .
Appena sistemata , fisserei un incontro con un commercialista per l'apertura di una srl e regolarizzare il mio lavoro .
Non ricordo se in Bulgaria è obbligatorio avere un "oggetto sociale" come in Italia e a Malta , oppure non serve come in UK.
Non ricordo neanche se c'è l'anonimato degli amministratori ma questa ultima cosa mi importa poco perchè dopo massimo 5/6 mese, se le cose andassero bene non avrei problema a lasciare l'italia o comunque fare 20 giorni in Bulgaria e 10 in Italia.
Insomma non voglio stare in Italia ed evadere , voglio proprio evadere io !

Se erroneamente ho sbagliato forum vi chiedo la gentilezza di indirizzarmi ove posso avere queste informazione , grazie mille ragazzi.




Ciao,
Allora prima di tutto i tuoi dati sul costo a kwh non sono aggiornati, la luce in bulgaria costa 22 centesimi di leva a kwh che cmq è molto meno della metà rispetto all'italia. Però stai attento perchè in bulgaria la maggior parte dei condomini hanno contratti collettivi e il "manager of the building" applica strane maggiorazioni.....non tutti hanno un contratto singolo con evn . Per cui ti consiglio di parlare bene con il venditore immobiliare e specificare tutto nel contratto prima dell'acquisto.....se ti trovi in difficoltà dopo aver firmato un contratto subisci solo
ricatti e paghi "come a italia" parafrasando il motto bulgaro.
Per internet ti consiglio vivacom ma tieni presente che molte agenzie applicano maggiorazioni se non hai la lichna carta o se sei straniero.
Un altro aspetto da non sottovalutare è la lingua bulgara, se iniziassero a richiederla a chi soggiorna in modo permanente sarebbero guai, ma fortunatamente per ora non gli conviene per via della folta comunità di inglesi residenti sulla costa che alimenta l'economia... se qualche anno fa c'era il rischio comunista ora c'è il rischio integralismo che si traduce in prezzi maggiorati per gli europei occidentali (quelli che possono avere il debito pubblico..)....cmq l'italia è un incubo dal punto di vista dei costi e hai ragione a dire che vuoi evadere perchè è una prigione economica, quindi la bulgaria ha il suo appeal, ma se vuoi veramente risparmiare sulle utenze ti consiglio di acquistare una casa indipendente che puoi trovare anche a 10000 euro.

Modificato da - dylandog on 05/01/2014 07:29:38
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 06/01/2014 :  12:37:45  Rispondi allegando il testo
Parte di quello che hai scritto, Dylandog, non e' assolutamente vero, ne' assolutamente possibile che avvenga.
Prima di tutto, SOPRATUTTO, SOPRA anche la/le legge/leggi bulgare, la Bulgaria fa' parte della Comunita' Europea, e QUALSIASI fornitore, sia esso, un fornitore privato o pubblico, NON PUO' applicare dei prezzi maggiorati perche' il cliente non e' di nazionalita' bulgara.
Prima del 2007, negli hotel, giusto per fare un esempio, c'erano ben esposti i prezzi differenziati per i bulgari (e per gli stranieri con il permesso di soggiorno) e per gli stranieri..
Per legge, BULGARA, la definizione del termine "straniero", ADESSO, in sintesi e' la seguente : ""staniero" e' colui che NON E' di nazionalita' bulgara o NON E' di nazionalita' di un paese della Comunita' Europea".
Che poi ci siano aggevolazioni per i RESIDENTI in bulgaria, e' altra cosa..
Ma per tutti i residenti in bulgaria, che essi siano di nazionalita' bulgara o meno.
I RESIDENTI IN SARDEGNA, giusto per dire.., hanno diritto a pagare di meno, su alcuni voli o traversate, da e per l'isola.
Ma questo NON perche' sono SARDI, ma perche' in Sardegna ci risiedono.
Infatti, io benche' sardo di nascita e sardo da generazioni, non ho piu' diritto a questo sconto, mentre magari ce l'ha un sig. Brambilla Ambrogio o un mr. Smith, perche' lui milanese al 100% o inglese che sia, in Sardegna ha deciso di risiederci.

Assolutamente assurda e' poi la "preocupazione", che la Bulgaria possa chiedere la conoscenza della lingua bulgara a chi SCEGLIE di risiedere in Bulgaria..
Per il diritto EUROPEO che un cittadino comunitario, puo' SCEGLIERE liberamente in quale paese comunitario risiedere, e questo diritto non gli puo' di certo essere negato, perche' non conosce l'idioma parlato nel paese da lui scelto.

A prescindere che questa situazione, convenga o meno alla Bulgaria..
E una di quelle cose, che la Bulgaria ha accettato, per essere ammessa ad entrare nella comunita' europea..
Frega niente, se gli conviene o meno.
O accetta questo, e lo ha accettato, prima chiedendo di entrare e lo ha accettato quando ha firmato l'adesione, oppure come ne e' entrata nella communita' europea, ne' puo' anche uscirne !!!

La conoscenza della lingua bulgara, la Bulgaria la pretende per chi vorrebbe prendere la CITTADINANZA bulgara..
Questa pero', e' tutta un'altra storia..

Per quanto riguarda il contratto di fornitura elettrica, che esista (addirittura nella maggior parte ..) dei condominii bulgari UN unico contratto di fornitura, la cosa mi giunge nuova..
Io qui in bulgaria, ci sono 11 anni, nei quali, ho "vissuto" in 6 abitazioni e in altrettanti uffici..
Sempre avuto il MIO contattore, per il consumo del mio appartamento, con conseguente mia bolletta mensile ..
A prescindere dall'aver fatto la voltura dell'intestazione del contattore.., quello era indubbiamente il "mio" contattore, e IO pagavo la bolletta per il consumo di energia che IO avevo fatto..
Che poi ci sia un contattore condominiale, per il consumo di energia per l'illuminazione della scala, citofono/apriporta e ascensore, quello e' ovvio, come e' possibile che chi fa' le funzioni di capocondomino, un pocchino ci marci, sulla riparizione dei costi tra i vari condomini, puo' anche essere..
Forse dovevo pagare 8 lev, e invece me ne hanno chiesti 10, lazzaroni !!..

Ma ti sempra possibile, che ci sia un unico contattore, per 30 e passa inquilini/appartamenti ??
E se uno di questi non paga la sua quota ??
Prendono e staccano la corrente a tutti, anche agli altri 29 ???

Una cosa molto curiosa, che ho notato in molti palazzi, sopratutto in quelli in periferia, e che nell'ascensore, manca il tasto per il secondo piano !!
E questo, perche' quelli del secondo piano, NON vogliono pagare la loro quota per l'ascensore, perche' essendo al secondo piano, loro affermano di non utilizzarlo mai, le due rampe di scale se le fanno a piedi.
E allora, per essere sicuri, che realmente se le facciano a piedi, hanno tolto il pulsante del secondo piano..
In alcuni casi, hanno, per essere ancora piu' sicuri, bloccato la porta dell'ascensore nel pianerottolo del secondo piano, con vasi o altri oggetti di notevole peso..

Cia' !!
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 06/01/2014 :  14:31:28  Rispondi allegando il testo
Caro maaric purtroppo ti parlo per esperienza e mi riferisco agli appartamenti sulla costa dove non funziona il discorso. Ogni appartamento ha il suo contatore ma lo legge il manager of the building e non evn!!! si paga al manager e non a evn che si rifiuta di fare contratti singoli con mille scuse....
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 07/01/2014 :  14:01:24  Rispondi allegando il testo
Allora, caro Dylan, l'esperienza lasciamola da parte, perche' uno puo' avere avuto tante esperienze, ma tutte sbagliate..
E lasciamo da parte anche la lingua bulgara.
Ma vediamo di metterci d'accordo almeno sulla lingua italiana ..

Prima dici che "in bulgaria la maggior parte dei condomini hanno contratti collettivi"
Adesso, dici che ti riferisci "agli appartamenti sulla costa dove non funziona il discorso. Ogni appartamento ha il suo contatore ma lo legge il manager of the building"

Allora, come lo devo decriptare ??

I condomini (la maggior parte di tutta la bulgaria, la maggior parte di quelli sulla costa, la maggior parte di quelli, sulla costa, in cui sei stato tu ??), hanno contratti collettivi oppure ogni appartamento (la maggior parte di tutta la bulgaria, la maggior parte di quelli sulla costa, la maggior parte di quelli, sulla costa, in cui sei stato tu ??) ha il suo contattore ???????

E mettiamo che tu, italiano, prendi, qui in Bulgaria, in affitto un appartamento (affitto annuale o anche pluriannuale) o addirittura l'appartamento te lo compri, ovviamente con regolare contratto d'affitto registrato, o altrettanto regolare contratto di vendita.
In questo appartamento, esiste un contattore per la fornitura elettrico, un contattore istallato e di proprieta' della compagnia elettrica.
E mi stai venendo a dire che la compagnia elettrica, NON ti fa' la voltura a tuo nome del contattore ??

Io ci metto, un bel "no comment"..

Se invece, stai parlando di appartamenti, boungalow, piazzole, dati in affitto (consumo della corrente NON incluso), magari affittati in nero, allora e' plausibile che il proprietario che non vuole farti fare la voltura del contratto di fornitura elettrica, anche perche' senza un regolare e registrato contratto d'affitto, e' ovvio che la compagnia elettrica si rifiuti di volturarlo a tuo nome..
Come e' altrettanto ovvio, che essendo il consumo di corrente non incluso e quindi da pagare a parte, ci deve essere un contattore per quantificare questo consumo..
Contattore, che puo' essere quello installato dalla compagnia elettrica, e quindi di sua proprieta', oppure puo' essere anche un contattore privato, messo a monte dell'appartamento/boungalow/piazzola..
Contattore privato, della cui precisione e taratura, nutro seri dubbi, come li nutro sul fatto che il manager of the building, faccia le letture precise !!!!

Una mia zia, commerciante, una volta andata in pensione, finalmente ammise che i suoi clienti ; li fregava sulla qualita' della merce, sul peso, sul prezzo e se non stavano attenti, li fregava anche quando gli dava il resto !!

Era una grande manager of the fruit ( e anche of the verdur ) !!
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 07/01/2014 :  14:36:51  Rispondi allegando il testo

Caro maaric vallo a dire a quelli di evn di pomorie' mi faresti un favore immenso! addirittura mi hanno detto che non sono loro i proprietari attuali dei contatori ma lo e' la società' che gestisce il condominio. Ho sentito tre avvocati e nessuno mi vuole aiutare! Pare che evn debba acquistare il quadro elettrico e che lo fara' in un. futuro non ben precisato e allora potrò' avere il mio contratto singolo ed e' cosi' per tutti i condomini sulla costa! un incubo

Citazione:
Originariamente inviato da maaric

Allora, caro Dylan, l'esperienza lasciamola da parte, perche' uno puo' avere avuto tante esperienze, ma tutte sbagliate..
E lasciamo da parte anche la lingua bulgara.
Ma vediamo di metterci d'accordo almeno sulla lingua italiana ..

Prima dici che "in bulgaria la maggior parte dei condomini hanno contratti collettivi"
Adesso, dici che ti riferisci "agli appartamenti sulla costa dove non funziona il discorso. Ogni appartamento ha il suo contatore ma lo legge il manager of the building"

Allora, come lo devo decriptare ??

I condomini (la maggior parte di tutta la bulgaria, la maggior parte di quelli sulla costa, la maggior parte di quelli, sulla costa, in cui sei stato tu ??), hanno contratti collettivi oppure ogni appartamento (la maggior parte di tutta la bulgaria, la maggior parte di quelli sulla costa, la maggior parte di quelli, sulla costa, in cui sei stato tu ??) ha il suo contattore ???????

E mettiamo che tu, italiano, prendi, qui in Bulgaria, in affitto un appartamento (affitto annuale o anche pluriannuale) o addirittura l'appartamento te lo compri, ovviamente con regolare contratto d'affitto registrato, o altrettanto regolare contratto di vendita.
In questo appartamento, esiste un contattore per la fornitura elettrico, un contattore istallato e di proprieta' della compagnia elettrica.
E mi stai venendo a dire che la compagnia elettrica, NON ti fa' la voltura a tuo nome del contattore ??

Io ci metto, un bel "no comment"..

Se invece, stai parlando di appartamenti, boungalow, piazzole, dati in affitto (consumo della corrente NON incluso), magari affittati in nero, allora e' plausibile che il proprietario che non vuole farti fare la voltura del contratto di fornitura elettrica, anche perche' senza un regolare e registrato contratto d'affitto, e' ovvio che la compagnia elettrica si rifiuti di volturarlo a tuo nome..
Come e' altrettanto ovvio, che essendo il consumo di corrente non incluso e quindi da pagare a parte, ci deve essere un contattore per quantificare questo consumo..
Contattore, che puo' essere quello installato dalla compagnia elettrica, e quindi di sua proprieta', oppure puo' essere anche un contattore privato, messo a monte dell'appartamento/boungalow/piazzola..
Contattore privato, della cui precisione e taratura, nutro seri dubbi, come li nutro sul fatto che il manager of the building, faccia le letture precise !!!!

Una mia zia, commerciante, una volta andata in pensione, finalmente ammise che i suoi clienti ; li fregava sulla qualita' della merce, sul peso, sul prezzo e se non stavano attenti, li fregava anche quando gli dava il resto !!

Era una grande manager of the fruit ( e anche of the verdur ) !!

Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 07/01/2014 :  16:54:49  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da dylandog


Caro maaric vallo a dire a quelli di evn di pomorie' mi faresti un favore immenso! addirittura mi hanno detto che non sono loro i proprietari attuali dei contatori ma lo e' la società' che gestisce il condominio. Ho sentito tre avvocati e nessuno mi vuole aiutare! Pare che evn debba acquistare il quadro elettrico e che lo fara' in un. futuro non ben precisato e allora potrò' avere il mio contratto singolo ed e' cosi' per tutti i condomini sulla costa! un incubo



E lo vedi, che non ci sono andato lontano !!

Quello che tu dici essere un contattore, il "tuo contattore", in effetti lo e', perche' contare i kwh, li conta.., ma non e' un contattore installato e di proprieta' della EVN, e non e' neanche di tua proprieta'..
Probabilmente, quello stabile, era stato concepito come un Hotel, e quindi con un contatore UNICO, bello grande e potente, ma UNICO..
Contatore, dato in base ad un contratto tra l'impresario/costruttore e EVN.
Poi l'hotel, mai nato e' stato riconvertito in un apparthotel o in tanti hotelmenti, o come diavolo si sono inventati di chiamarlo/i..
E qui, subentra una societa' che gestisce la situazione, compra dei contattori, SUOI contattori, privati, non piombati, e li mette a monte di ogni unita' abitativa..
Tu hai mai visto, in un vero hotel, dei contatori per ogni camera/appartamento/suite ??
Ti hanno, soggiornando in un vero hotel, oltre il normale importo per il tuo soggiorno, fatto pagare anche per la corrente che hai consumato ?.
Guarda, vorrei sbagliarmi, ma probabilmente, quell' unico grande e grosso contatore, e' in effetti quello che in italia, si chiama "contattore di cantiere", provvisorio per definizione..., quello che l'enel ti mette per darti l'energia in fase di costruzione dell' intero immobile.
Poi quello sparisce, e l'enel ti mette tanti piccoli contattori..
Sempreche', l' impresario, paghi la colonna montante, sempreche' la compagnia elettrica, abbia sufficente energia, senza dover fare una nuova cabina di trasformazione, sempreche' li ci arrivi l'alta tensione in modo da poterla trasformare in bassa tensione (220volts) !!..
Cabina di trasformazione, che deve costruire, a sue spese, l'impresario e se gli dice male, deve costruire anche la linea di alta tensione, per farla arrivare fino alla cabina di trasformazione (ma tu lo sai quanto costa un traliccio dell'alta tensione e tutto l'amabaradan tra acciaio, posa, cavi etc, etc ???? una moltitudine di euro !!!)..

E te lo dico, perche' mi sono trovato in una situazione simile, da impresario.
Avevo il contatore di cantiere 30kwh, ma una volta finito di costruire, per darmi 5 singoli contattori (market 20kwh, pizzeria 30kwh, bar 20kwh, discoteca 50kwh, condominiale 20kwh), ho dovuto costruire a mie spese (su specifiche dell'enel) la cabina in muratura, regalarla all'enel, la quale dopo avergli versato 5 milioni di vecchie (ma sempre sonanti) lire, dopo 2 anni, finalmente ci mise a noi e al quartiere che nel mentre era sorto.., i contattori..

Quindi, nel tuo caso, l'impresario/costruttore (che magari non lo si riesce piu' a trovare..), dovrebbe sputare fuori, un bel po' di soldini per fare la cabina di trasformazione.
Sempreche', non occorra (come credo occorra) fare tante di quelle modifiche sull' impianto elettrico, perche' era stato studiato e realizzato, per un hotel e non per tanti appartamenti singoli..
Adesso, invece, ogni appartamento, deve essere cablato direttamente alla cabina, senza attraversare altri appartamenti o zone NON condominiali o NON pubbliche..
Tutto questo, potrebbe essere tecnicamente impossibile, senza dover buttare giu' mezzo resort !!!

La soluzione ???

Lascia le cose come stanno, perche', visto che il cantiere non esiste piu', visto che la costruzione e' terminata, la compagnia elettrica, potrebbe anche decidere staccare la corrente a quell'unico contattore (e qui bisognerebbe vedere il contratto originario di fornitura dell'energia da cantiere), e di conseguenza a cascata, privare di corrente tutti quanti, compreso il tuo appartamento !!!
Ti ripeto, cose gia' viste accadere e/o rischiato di vedere accadere di persona !!!

Bye !!
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 07/01/2014 :  18:45:58  Rispondi allegando il testo
No caro maaric si tratta di un condominio di appartamenti concepiti per la residenza permanente in zona urbanizzata! C'e, il cabinone di trasformazione di evn nella'angolo del giardino e ogni appartamento ha il suo contatore. Solo che il manager assieme ad una cricca di inglesi e russi che hanno costruito il building non vuole mollare la presa perche' altrimenti se separa il contratto della luce e acqua da quello della maintenance gli tocca di fare bene i lavori! Invece cosi' chiede soldi per luce e acqua e se qualcuno si inkazza perche' il giardino o la piscina o la siepe non sono curati a dovere lui risponde che i soldi non bastano, viceversa se qualcuno dice che i soldi per acqua e luce sono troppi risponde che deve pagare anche per la piscina che va sempre o per le donne delle pulizie! Risultato vetri rotti fili delle lampade della piscina penzolanti, prato con erba mista a radicchio' siepe malconcia, niente luce per le scale etc
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 07/01/2014 :  20:02:56  Rispondi allegando il testo
Odio i condominii !!
Se mi dici che hai gia' parlato con tre avvocati, e' inutile che io faccia il quarto o te lo proponga ..
Evvidentemente, nel contratto d'acquisto, tu hai sottoscritto che accettavi di appartenere a quella specie di condominio, accettandone le regole..
Gli avvocati (ma anche i commercialisti), bisognerebbe consultarli PRIMA e non dopo.., ma questo non lo fa' nessuno ..

Quello che non mi torna, e' il discorso contattore.
Non e' della EVN, ma della societa' che gestisce lo stabile..
L' EVN, pero', non vuole mettere un suo contattore, sostituendo quindi quello privato..
Due sono le cose, o non puo' farlo fisicamente, o non puo' farlo burocraticamente, o entrambe le cose (quindi siamo a tre !!!).
Fisicamente, perche' prima di arrivare al tuo contattore, il cavo elettrico, passa e alimenta chissa dove e chissa cosa..
E quindi non puo' rischiare (o ne e'sicura) che se a monte fornisce 100, poi il tuo contattore, segna un reale tuo consumo di 10, e quindi incassa solo i tuoi 10 e gli altri 90, chissa chi se li e' ciucciati durante il tragitto.
Burocraticamente, manco ci starei a pensare, perche' invece del quarto avvocato, fossi in te, mi cercherei uno che realizza impianti elettrici, ma uno di quelli bravi, non un semplice elettricista !!!

E magari, dopo, in base alla perizia, del perito, sentire il quarto avvocato, che magari, avendo quella perizia in mano, magari ..

Ciao !!!
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 07/01/2014 :  20:49:21  Rispondi allegando il testo
Finalmente cominci a capire il problema e' burocratico!
Il condominio e' akt 15 cioè' manca l'atto finale o akt 16 ma ci vogliono 5000 euro che gli inglesi non vogliono sborsare! Senza l'akt 16 l'evn non fa niente. La centralina e' nuovissima e alimenta solo il condominio! Ora in Bulgaria non puoi forzare nessuno a passare da akt 15 a 16 e cosi' se non c'e' subì sci le peggiori angherie della cricca di maggioranza. Alcuni polacchi proprietari si sono inkazzati e hanno chiamato la polizia che pero' non e' intervenuta perche' manca l'akt 16!
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 07/01/2014 :  22:05:54  Rispondi allegando il testo
Finalmente comincio a capire ????
Ma se dici le cose a rate, e ci voleva tanto !!!! :

"Ho comprato un appartamento senza l'akt16, e quindi l'evn (giustamente) non mi da' la corrente, ma non sono al buio, perche' noi condomini, stiamo utilizzando la corrente di un unico contattore, e ci siamo messi un contatore ogniuno, poi passa un tizio, che legge i contatori e ogniuno mette il tanto relativo al suo consumo."

Fine della storia !!
Ma della tua storia ..

Personale, molto personale, perche' da qui a farne un qualcosa di generale, normale, ce ne passa ..
E' la tua storia, ma non e' la norma, non puoi prenderla e darla come esempio ..

Al limite, puoi avvisare di non comprare un appartamento che non e' perfettamente in regola con la documentazione edilizia..
Quello si' !!!
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 08/01/2014 :  03:33:16  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da maaric

Finalmente comincio a capire ????
Ma se dici le cose a rate, e ci voleva tanto !!!! :

"Ho comprato un appartamento senza l'akt16, e quindi l'evn (giustamente) non mi da' la corrente, ma non sono al buio, perche' noi condomini, stiamo utilizzando la corrente di un unico contattore, e ci siamo messi un contatore ogniuno, poi passa un tizio, che legge i contatori e ogniuno mette il tanto relativo al suo consumo."

Fine della storia !!
Ma della tua storia ..

Personale, molto personale, perche' da qui a farne un qualcosa di generale, normale, ce ne passa ..
E' la tua storia, ma non e' la norma, non puoi prenderla e darla come esempio ..

Al limite, puoi avvisare di non comprare un appartamento che non e' perfettamente in regola con la documentazione edilizia..
Quello si' !!!




Eh no caro maaric perche' anche con l'akt 16 la storia non cambia e qui viene la parte generale. Il passaggio alla'akt 16 e' solo l'inizio della procedura. Anche con l'akt 16 e' necessario, secondo quanto riportato dalla'avvocato' che venga fatta richiesta dal 63 % dei proprietari a evn di comperarsi il quadro elettrico. Eh già' perché' non funziona come in Italia dove enel arriva e di base installa i suoi contatori! Mi hanno assicurato che un giorno evn lo fara' ma nel building dove risiede l'avvocato sono già' passati 6 anni e ancora la procedura burocratica non si e' conclusa e il quadro e' in mano al manager che applica una tariffa a forfait con strane maggiorazioni! Altro che fine della storia " lasciate ogni speranza o voi CH'entrate " direbbe Dante! Inoltre se volessi installare i pannelli solari sul tetto dovrei raccogliere il 64 % delle firme dei proprietari perche' il tetto appartiene alla collettività' del building.....
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 08/01/2014 :  03:36:15  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da maaric

Finalmente comincio a capire ????
Ma se dici le cose a rate, e ci voleva tanto !!!! :

"Ho comprato un appartamento senza l'akt16, e quindi l'evn (giustamente) non mi da' la corrente, ma non sono al buio, perche' noi condomini, stiamo utilizzando la corrente di un unico contattore, e ci siamo messi un contatore ogniuno, poi passa un tizio, che legge i contatori e ogniuno mette il tanto relativo al suo consumo."

Fine della storia !!
Ma della tua storia ..

Personale, molto personale, perche' da qui a farne un qualcosa di generale, normale, ce ne passa ..
E' la tua storia, ma non e' la norma, non puoi prenderla e darla come esempio ..

Al limite, puoi avvisare di non comprare un appartamento che non e' perfettamente in regola con la documentazione edilizia..
Quello si' !!!




Eh no caro maaric perche' anche con l'akt 16 la storia non cambia e qui viene la parte generale. Il passaggio all'akt 16 e' solo l'inizio della procedura. Anche con l'akt 16 e' necessario, secondo quanto riportato dalla'avvocato che venga fatta richiesto dal 63 % dei proprietari a evn di comperarsi il quadro elettrico. Eh già' perché' non funziona come in Italia dove enel arriva e di base installa i suoi contatori! Mi hanno assicurato che un giorno evn lo fara'' evn arrivera' si comprera' il quadro ma poi i contatori saranno a carico nostro...a nel building dove risiede l'avvocato che e' akt 16 sono già' passati 6 anni e ancora la procedura burocratica non si e' conclusa e il quadro e' in mano al manager che applica una tariffa a forfait con strane maggiorazioni! Altro che fine della storia " lasciate ogni speranza o voi CH'entrate " direbbe Dante! Inoltre se volessi installare i pannelli solari sul tetto dovrei raccogliere il 64 % delle firme dei proprietari perche' il tetto appartiene alla collettività' del building.....
Vai ad inizio pagina

plasmonit
Utente

Messaggi 1

Spedito - 23/01/2014 :  13:17:43  Rispondi allegando il testo
Salve. Sono nuovo del sito.
Vorrei solo sapere se vi è possibilità di vivere in Bulgaria lasciando l'Italia trovandovi lavoro. In questo caso avrei piacere di venire a conoscere le possibilità venendo per un fine settimana incontrando, se possibile, qualcuno di voi che ci vive e che conosce la lingua.
Grazie
Vai ad inizio pagina

dylandog
Utente

Messaggi 185

Spedito - 23/01/2014 :  17:00:59  Rispondi allegando il testo
in Bulgaria il lavoro si trova ma e' la remunerazione che manca. Un bulgaro guadagna 200-300 euro al mese come dipendente. In Bulgaria questi soldi bastano solamente se sei proprietario di casa che costano 10-20000 euro ( da ristrutturare .....). Il problema e' che c'e' tanta concorrenza. Potresti venderti sulla costa come interprete ma devi conoscere di base l'inglese, il tedesco. Per darti un'idea, in Bulgaria d'estate c'e' gente che fa il 'butta dentro' per i ristoranti dove si mangia con 15 leva (7,5 euro)! C'e' gente che fa i lavori più' strani per pochi leva come il venditore di frutta sulla spiaggia o di kukuruza ( pannocchia bollita) a 1 leva per strada e ci sono rovistatori di cassonetti dei rifiuti ( in Bulgaria non c'e' bisogno di dire alla gente di fare la raccolta differenziata...). E' un paese agricolo e turistico. Gli unici che guadagnano sono gli albergatori e i padroni- magnaccia degli erotic bar...( anche i supermarket e i venditori di alcolici). Nelle grandi città' ci sono ottimi grandi magazzini e outlets ma scordati che qualcuno di questi ti assuma. Gli unici che potrebbero considerati sono gli imprenditori italiani in bulgaria , prova a cercarli su internet e buona fortuna!
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2770

Spedito - 24/01/2014 :  06:29:29  Rispondi allegando il testo
Io, sul fatto che chi "potrebbero considerati sono gli imprenditori italiani in bulgaria" sono molto dubbioso..
Proprio su quelli, e qualcuno lo conosco.., non ci conterei molto..
Se stanno venendo ad investire in Bulgaria, uno dei tanti motivi e' proprio il non avere piu' a che fare con personale italiano..
E non e' solo questione di stipendio..
Forse una piccola possibilita' c'e' se si conosce la lingua bulgara ..
Ma mi e' piu' facile trovare un bulgaro che sappia l'italiano o che me lo impara in un paio di mesi se lo assumo..
Piu' facile nell'immediato e con meno rogne nel futuro ..

E poi, "una casa a 10-20.000 euro" ??
Si la si puo' anche trovare, ma come si dice dalle mie parti natie "a casin'e Pompu", che sarebbe a dire "In una lontana periferia di un paesino sperduto" !!..
Ma che lavoro trovi, nel raggio di 50km da quella casa li' ???

Non sto affermando che Plasmonit, non ha alcuna speranza..
Prima di tutto, bisogna vedere cosa sa' fare..
Se sei un cuoco italiano di prim'ordine, un pizzaiolo provetto, un pasticcere/gelataio, con i controcosi, o qualcosa di simile, allora un posto lo puo' trovare, anche ben pagato (sempre per gli standard bulgari..).
Ma giusto il tempo per insegnare a qualche bulgaro ad essere un cuoco migliore di prima, un pizzaiolo discreto, un pasticcere non pasticcione ..
Ma poi, si ritroverebbe punto e a capo..
Quindi, dovessero assumerti per le tue qualita', caro Plasmonit, se hai come si suol dire "l'arte in tasca", tienitela per te e non insegnarla a nessuno..
Oppure insegnala in modo tale che i tuoi apprendisti, ci mettano una vita ad impararla ..

Ciao e Auguri !!!

Maurizio
Vai ad inizio pagina

ioakim76
Utente

Messaggi 2

Spedito - 28/01/2014 :  18:29:56  Rispondi allegando il testo
Buona sera vorrei anch'io trasferirmi in Bulgaria per qualche tempo.
Vorrei andare in un quartiere non troppo provinciale.
L'intenzione è quella di fare un primo viaggio e tastare il terreno, poi se lo riterrò opportuno inserirmi cercando un lavoro e forse poi lavorare indipendentemente creando uno spazio.
Ho circa 370€ mensili credete posso farcela.
Esiste una comunità d'italiani presenti che ti può aiutare.
Per cortesia vorrei consigli da chi già ci è stato e conosce bene quella realtà.
Grazie
Vai ad inizio pagina
Pagina di 2 Discussione precedente Discussione Discussione successiva  
Pagina Successiva
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Vai a:
Forum Bulgaria-Italia © 2000-2020 Bulgaria-Italia Vai ad inizio pagina
 Modded By: Image Forums 2001 This page was generated in 0,15 seconds. Snitz Forums 2000


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo