Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
Italiano Benvenuti nel forum: è a vostra disposizione per porre delle domande, raccontare storie, scambiare opinioni sulla Bulgaria e i suoi rapporti con l'Italia, conoscere nuovi amici...  Informazioni e regolamento del Forum Bulgaro Добре дошли в форума! Той е на ваше разположение за вапроси, мнения, срещи с нови приятели, така както и за запознаване на обикновения италианец с България... Информация и правилник за Форума
 Club | Utenti | A-Z | Cerca | Statistiche | Il tuo profilo | Incontri | Annunci | Forum 
Nome utente:
Password:
Selezione lingua
Salva la password     Hai dimenticato la Password?

Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Forum in lingua italiana
 Cultura
 Lore 2
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione precedente Discussione Discussione successiva
Pagina di 95

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 11/05/2014 :  12:15:02  Rispondi allegando il testo
BIOSFERA

FORZA GENERATRICE
NATURA UMANA
OPERATRICE ECOLOGICA
ARTE BELLEZZA VITA
DOLCE MADRE...

il Poeta
lorenzo pontiggia
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 12/05/2014 :  10:56:41  Rispondi allegando il testo
VIVERE

IL DNA
I GAMETI
LA PROGENIE
L'ETERNITÀ...

il Poeta
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 13/05/2014 :  19:03:37  Rispondi allegando il testo
-Gabriele Roncarati
Buongiorno Lorenzo, ci siamo conosciuti una settimana fa a Villa Calliope. Confesso che ancora fatico a trovare un ordine nella mia mente ai pensieri che gli stimoli di quella piacevole conversazione ha scatenato. Questo è il segno, probabilmente, di quanto le relazioni tra le persone, siano oggi poco aperte al vero confronto e gli scambi quindi poco stimolanti. Riguardo alla "riflente", finalmente comincia ad emergere e consolidarsi qualche collegamento: possiamo riferirci alla "riflente" guardando alle "immagini mentali" di Nikola Tesla o Leonardo da Vinci? Quella capacità di trascendere la materia, utilizzando la mente. Può essere questa capacità una scintilla del potere creativo? Può essere trovato qui il senso di quella frase bliblica "a immagine e somiglianza"? Perché di divino l'uomo moderno ha poco e le somiglianze scarseggiano. Cosa ha scatenato questa mancanza? Forse l'allegoria dell'aggressione di Caino a cui ti riferivi, riguarda questo. Come individuo che rifiuta le religioni ma profondamente spirituale, credo che il significato stesso della nostra esistenza sia da ricercare qui, nel recupero di una capacità creativo-evolutiva che abbiamo smarrito. Ci tenevo comunque a ringraziarti per la chiacchierata. Spero di rincontrarti presto. Saluti Gabriele-

Leonardo Da Vinci nel valersi della RIFLENTE modella l'arte umana, intrisa di Storia.
E così Nikola Tesla e tanti altri usano la RIFLENTE o SESTO SENSO da realizzare l'Immanenza Utopica. Il cui fine non è il lucro, ma il sentirsi utili verso l'Umanità e l'Universo, da lasciare la gioia di Vivere onestamente in RIFLENTE le future generazioni...
LA RIFLENTE = Riflessione-Mente, dote che l'uomo possiede dalla nascita ma non sboccia per l'allegoria dell'aggressione di Caino o derivazione del pensiero speculativo, e si rifà ai fondamentalismi, alle ideologie, tessere, “colori”... che sfruttano e, schiavizzano i propri simili...
I GRANDI sono il Sale della Storia UMANA, e Tutta l'Umanità è partecipe nel dare e ricevere benessere Sociale!
Grazie a risentirti lorenzo pontiggia il Poeta
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 14/05/2014 :  15:30:52  Rispondi allegando il testo
I Libri, Energia, Storia...

-Tesla credo che rispecchi pienamente questo principio: reinvestì i propri introiti e fortune nel finanziare infatti i suoi stessi esperimenti, tanto che, quando fu abbandonato dalla politica, osteggiato e calunniato da meschini interessi, morì solo e in disgrazia. Il suo solo intento era la conoscenza, al servizio dell'uomo. Solo oggi si comincia a restituire lustro a quello che fu una delle più grandi menti scientifiche della storia dell'umanità.- Gabriele Roncarati


<Mi chiamarono pazzo nel 1896 quando annunciai la scoperta dei raggi cosmici. Ripetutamente si presero gioco di me e poi, anni dopo, hanno visto che avevo ragione. Ora presumo che la storia si ripeterà quando affermo che ho scoperto una fonte di energia finora sconosciuta, un’ energia senza limiti, che può essere incanalata.>
Tesla era di nazionalità serba ma nacque nella cittadina croata di Smilijan nella notte fra il 9 e il 10 luglio del 1856-
Rivoluzionò il sistema elettrico usando la corrente alternata, base della rivoluzione industriale. Come sempre fu avversato per la sua genialità da passare per matto. Se oggi è esploso il boom delle apparecchiature senza fili, si deve a Nikola Tesla, che fu antisegnano nel campo dell'Energia.

Come tutti i grandi passa per matto, causa l'ignoranza che impera in tutti gli strati sociali.
Tutti i folli geniali hanno i loro detrattori e ammiratori...
Il tempo dà ragione alle loro intuizione e per fortuna ogni tanto madre natura regala un folle.

Nicola Tesla è ritenuto da molti un grande inventore del XX secolo.
Morì nel 1943. e dopo 27 anni lo riconobbero padre del “Campo Magnetico”.
Ciao e grazie
Lorenzo Pontiggia il Poeta
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 16/05/2014 :  21:11:57  Rispondi allegando il testo
IL PASSATO = STORIA

In RIFLENTE
i ricordi chetamente

emergono dal Lete
della STORIA per farne tesoro:

Amore di PACE
in nome del PASSATO...

Lorenzo Pontiggia il Poeta
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 18/05/2014 :  12:06:38  Rispondi allegando il testo
I POETI

Sono il sale di MADRE Terra,
per antonomasia sono i Veri Politici
al servizio del POPOLO!

Lorenzo Pontiggia
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 28/05/2014 :  14:11:31  Rispondi allegando il testo
Gabriele Roncarati
Ciao Lorenzo, credo sussista una condizione inalterabile che nemmeno la forza dell'originale e ancora più inossidabile scudo crociato avrebbe saputo gestire: il sistema economico-sociale che ha, è vero, vinto la battaglia ideologica del novecento contro il comunismo, ovvero il capitalismo, è sorpassato. Anzi, è il motivo della crisi, il problema è sistemico e non invertibile. Il sogno del liberismo è finito col comunismo stesso, ora che sulle risorse si compete alla pari, si scopre che qualche volta sono gli altri a essere più bravi, poi un giorno ti svegli e il morto di fame sei tu. Il dio denaro fagocita tutto, anche i suoi accoliti! Le ragioni del movimento cinque stelle sono ancora tutte lì. Ripensare un'altro mondo, un'altro stare insieme, non è solo possibile, ma anche assolutamente necessario. Decrescita, nuove tecnologie, km 0, energia pulita, rispetto dell'ambiente ecc. non sono vaneggiamenti di un gruppo di giovinastri, scontrosi e irresponsabili, sono il futuro dell'umanità. Tardare su questa via non solo è inutile, ma anche costoso. Grazie Lorenzo per questi spazi di riflessione.


Ciao Gabriele...
La D.C., andava sempre a nozze col partito “Liberale”, dopo la dipartita di Benedetto Croce. Benedetto era una bellissima figura del pensiero umanistico italiano.
Ancor oggi paradossalmente vince la famosa frase di Andreotti (belzebu) “Il potere logora chi non l'ha”.
Con mia moglie Mary Mazzucco, Bellunese, in vacanza, andai ad un lunedì letterario a Cortina:Montanelli, presentava Andreotti. Giulio affermava che alle elezioni del 1948, Togliatti fu felice d'aver perso, per il semplice motivo che non aveva uomini preparati a governare...
Quindi il P. C., apri scuole di formazione politica...
Presi parola e colpii il CAF nel far notare che De Gasperi e Moro non s'arricchirono con la politica speculativa a danno degli italiani...
Omaggiai a Indro un mio libro e c'intrattenemmo, s'avvicinò belzebù, sospettoso e stupito della presenza in un posto simile di un uomo con folta barba lunga e idem i capelli, rappresentavo in quel ambiente chik il popolo libero... Credimi feci fatica a dar la mano a “belzebù”.

Caro amico se tutti usassero il Sesto Senso la Riflente, ognuno avrebbe rispetto di se stesso e di riflesso dell'Umanita, ognuno camminerebbe nel Sociale apportando energie nel realizzarsi, godendo dall'alba alla Luna, e ringraziando il Sole che ogni giorno gli si gira intorno perpetuando la Vita, arricchendoci di Cultura nell'immensità del Pensiero Libero al servizio di TUTTI.
Finisco convalidando che la D.C. ha vinto... Grazie... alla prossima... lorenzo
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 04/06/2014 :  18:24:13  Rispondi allegando il testo
«Il Pd al 40,8? Sospetti ragionevoli»
Il testo non è del leader del M5S, ma del sito «Informare X Resistere», che a sua volta cita in alcuni passaggi altri blog. In particolare si parla di «sospetto di brogli ragionevole» per la percentuale del 40,8% ottenuta dal Pd. «In una giornata dove l’affluenza alle urne è stata circa del 60% e tenendo conto che gli elettori 5 Stelle per loro peculiarità vanno a votare, la perdita di 3 milioni di elettori è statisticamente molto improbabile - si legge nel testo -. Ovviamente stiamo trattando dati statistici e applicando la logica, senza avere riscontri dimostrabili».
Casaleggio il “deux machin” di Grillo, già con un esperienza sulle proprie spalle, doveva preoccuparsi di mettere in ogni seggio dei rappresentanti scelti tra i migliori grillini, affinché non ci fossero brogli... A Grillo dal mio punto di vista non ha colpe. Dissi in camerino al PALA FIRENZE a “Beppe” di scegliere uomini che avessero la “vocazione” di servire l'Italia, non i propri interessi. Solo così l'Italia può superare questa crisi...
Lorenzo Pontiggia...
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 05/06/2014 :  18:06:56  Rispondi allegando il testo
LA LUNGA VITA DI MARIANNA UCRIA – MARAINI- RCS-RIZZOLI

- < Tu sei nata così, sordomuta>, le aveva scritto una volta il padre sul quaderno.

Con la sorella mutola Signoretto di solito è protettivo, un poco geloso delle attenzioni che le rivolge il signor padre...

Marianna sapeva che finché non avesse partorito il maschio avrebbe dovuto continuato a tentare...
Lo “masculo” è arrivato come voleva il signor marito zio...

Per il duca Pietro: < Dio sta lontano e se ne impippa... >.

Secondo il signor marito zio il primo degli Ucrìa era niente di meno che un re del Seicento avanti Cristo, un re della Lidia.

La neve veniva giù dai monti Sibillini avvolta nella paglia sulle groppe degli asini, dopo eser stata tenuta sepolta per mesi sottoterra e Palermo non mancava mai dei suoi prodigiosi gelati.

Fuori è buio. Il silenzio avvolge Marianna, fra le sue mani un libro d'amore. Le parole, dice lo scrittore, vengono raccolte dagli occhi come grappoli di una vigna sospesa, vengono spremuti dal pensiero che gira come una ruota di mulino e poi, in forma liquida si spargono e scorrono felici per le vene. È questa la divina vendemmia della letteratura...

L'umorismo a cui gli scrittori si abbeverano con tanta grazia da cosa deriva se non da mettere in luce i difetti altrui? Tanto da farli parere giganteschi e irrimediabili...

Marianna: quel correre, quel vagare, quel patire ogni fermata, ogni attesa... Riprendere il cammino è ricchezza?-

Un libro che apparentemente stanca ma che si legge...

Consigliabile...

Lorenzo Pontiggia
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 07/06/2014 :  14:15:02  Rispondi allegando il testo
-Mentone
Suggerisco al sig. Pontiggia di riprovare con "mentone" (mente-riflessione) invece di "riflente", che è brutto e che i correttori ortografici rifiutano.-


RIFLENTE

Intelligenza Viva
al servizio della
Verità che si perpetua...

Intellettività Splendente
Brillio di Virtù
nel Fulgore di Saggezza...

Luminosa Rilucente
Efficace Immagine al Fastoso
Prodigio in Sinfonia d'archi...

Generosa Parola
spazio al Lume Lustro
del SOLE, dio della VITA...



N.B.
Neologismo: parola o locuzione nuova per meglio esprimere in un concetto vari pensieri in un sol significato.

Grazie...

Lorenzo Pontiggia
il Poeta Marylory

Alberto Gaffuri
07/06/2014 14:35

Ormai è riflente


Lorenzo Pontiggia
07/06/2014 15:43


Grazie Sindaco... lorenzo

Modificato da - lore on 08/06/2014 12:17:17
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 07/06/2014 :  19:35:13  Rispondi allegando il testo
La causa principale e la prevenzione del cancro, ha dichiarato:

Le cellule tumorali vivono in un ambiente estremamente acido e privo di ossigeno. Le cellule sane vivono in un ambiente alcalino, ossigenato, consentendo il funzionamento normale, privare una cellula del 35% di ossigeno per 48 ore può probabilmente innescare un processo canceroso. Le sostanze acide respingono ossigeno, mentre le sostanze alcaline lo attraggono. Le cellule tumorali sono anaerobiche (non respirano ossigeno) e non possono sopravvivere in presenza di alti livelli di ossigeno. Invece la GLICEMIA sopravvive fino a quando l’ambiente è privo di ossigeno. I tessuti tumorali sono acidi, mentre i tessuti sani sono alcalini, quindi il cancro non sarebbe altro che un meccanismo di difesa che hanno alcune cellule del corpo per sopravvivere in un ambiente privo di ossigeno e alcalinità.

La dr. Elisabetta Izquierdo : “Io sono un medico e mi rifiuto di credere che radio e chemio terapia siano gli unici strumenti per debellare il cancro”.

Il bicarbonato di sodio, umile composto e molto a buon mercato, secondo recenti e sorprendenti ricerche farmaceutiche può curare il cancro. E non solo, allevia molto significativamente anche gli effetti secondari negativi della chemioterapia. La “soluzione” della medicina organizzata per il cancro si basa su tre procedure molto rischiose e altamente invasive la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia. La soluzione può essere nel kit del vostro bagno.

Dose Consigliata: 1/2 litro di acqua + succo di 3 limoni + 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio. Prendere a stomaco vuoto al mattino, può essere suddivisa in due dosi durante il giorno , ma non tra i pasti. E ‘ meglio prenderla ogni giorno, anche quando la malattia è sparita, perché tutti i tumori possono tornare, ed è importante prevenire.

Nel suo libro, “Vincere la guerra al cancro“, il suo autore – il dottor Mark Sircus – affronta la questione del bicarbonato di sodio che aiuta a salvare innumerevoli vite ogni giorno. Il bicarbonato di sodio è noto come antico metodo per accelerare il ritorno a livelli normali di bicarbonato nel corpo. E’ inoltre economico, sicuro, e forse potrebbe essere la medicina più efficace a disposizione contro il cancro.

Il Bicarbonato di sodio dà al corpo una forma naturale di chemioterapia che uccide efficacemente le cellule tumorali senza gli effetti collaterali devastanti evitando anche i costi della chemioterapia convenzionale. Dal momento che nessuno si può arricchire e fare un sacco di soldi con qualcosa di così semplice, nessuno lo promuove e quindi manca il supporto per essere studiato e sperimentato. La comunità medica ha voltato le spalle Dr. Simoncini e ad altri colleghi, perché, da onesto specialista oncologo, ha rifiutato di utilizzare i metodi convenzionali per i suoi pazienti che decidono di farsi somministrare cure a base di bicarbonato di sodio, curando con impressionante successo nel 99 per cento dei casi il cancro al seno. Il cancro della vescica può essere curato in breve tempo, completamente e senza chirurgia, chemio o radioterapia, utilizzando solo un apparato di infiltrazione locale (simile ad un catetere) per infondere bicarbonato di sodio direttamente nella zona infetta del seno o della vescica, ma può anche essere consumato per via orale.

Il bicarbonato di sodio applicato ai tumori alla fine li fa scomparire rapidamente, che molti dei trattamenti chemioterapici attualmente includono bicarbonato di sodio, con la scusa che “aiuta” a proteggere i reni, il cuore e il sistema nervoso del paziente è un dato di fatto. Ed è stato già stabilito che la somministrazione di chemioterapia senza bicarbonato può uccidere il paziente. Così , quando sentiamo parlare sui “successi” della chemioterapia è proprio il bicarbonato di sodio che agisce, non solo per fermare metastasi ma anche per ridurre al minimo gli effetti collaterali dannosi della tossicità chemioterapica. Inoltre non esistono studi per separare gli effetti del bicarbonato di sodio dagli agenti chemioterapici tossici.



Bicarbonato e limone
fonte: danieleparisi.com
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 09/06/2014 :  16:16:38  Rispondi allegando il testo
Marianna Ucria
A me è piaciuto molto, credo che faccia parte delle letture al femminile, condite di sentimento e descrizioni. Le letture al maschile sono condite con emozioni forti e quel realismo che solitamente non piace anoi signore. In generale, naturalmente. MCF.-

Inizialmente le desrizioni rallentavano piacevolmente la lettura. Alla fine ero soddisfatto d'averlo letto...
Grazie MCF
lorenzo
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 09/06/2014 :  16:27:07  Rispondi allegando il testo
Il risultato di LIVORNO del P.c.i.
La vita interna del Partito comunista art. 19 dello statuto de P.c.i.: la minoranza deve applicare le decisioni della maggioranza, non è tollerata la frazionistica che possa rompere l'unità e la disciplina del partito. Il centralismo democratico, dice: i singoli componenti degli organismi dirigenti di sezione... sono revocabili per decisione dell'assemblea.
Significa: che il P.c. È un partito antidemocratico e “totalitario” da non poter scalzare la maggioranza con sistemi democratici, cioè al Sole dell'evidenza, causa il paragrafo g), che non ammette azioni a rompere l'unità e la disciplina del partito, concepite come adesione alla tesi della stessa maggioranza. La dirigenza in carica ha la possibilità di declassare o espellere la minoranza quando vuole.
Renzi credeva al conservaturismo del vecchio P.c. di Livorno?. Ma il nuovo M5S, avanza, e la città emblema del vecchio (copiato anche da altri partiti italiani...) si ribella e la frittata è servita su un piatto d'argento...
Rinnovarsi è Storia umana, ripetere gli errori è “assassinio” annunciato (Stalin...).
Buon lavoro Italiani e M.5.S.
Lorenzo Pontiggia
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 12/06/2014 :  09:34:52  Rispondi allegando il testo
COSE VISTE E PENSATE – OSTELLINO - RIZZOLI
Il giornalista fra potere e ideologia

1983. L'accusa più pesante è venuta dal segretario della D.C. De Mita: < Credevo che il paese fosse quello descritto dai giornali>.
Nella stampa c'è stupore generale per la “deblache” democristiana... (Arturo Sigismondi, sul Manifesto).
Vittorio Emiliani < Messaggero>, i giornali non hanno colto quello che accadeva nel paese...
Per Gianni Letta direttore del <Tempo>, DE Mita non pensava al giornale..., ma ai sondaggi di opinione (che davano la D.C <in salita>.
Giorgio Fattori della <Stampa> proveniente dal mondo dei settimanali, capovolge il ragionamento di Emiliani, e dice: < coloro che leggono i giornali appartengono a una fascia medio-alta, mentre a votare sono tutti.>.
Eugenio Scalfari < Repubblica>: < I giornali hanno i loro modi di capire l'aria che tira e sono molto imperfetti. Noi, avevamo colto che la gente si fidava poco dei partiti e chi avrebbe votato lo avrebbe fatto senza entusiasmo>. <Una volta> dice Scalfari <a far cadere i governi erano i discorsi in Parlamento: oggi sono le interviste sui giornali.> La verità (o la ragione) sta probabilmente nel mezzo. Il giornalismo riflette, nel bene e nel male, le caratteristiche del proprio tempo. E il tempo in cui viviamo, sarà bene ricordarlo, è quello dell'elettronica, cioè un mondo che vibra di messaggi.
Indro Montanelli <Giornale>, <non è obbiettiva neppure la macchina fotografica>. < Ciò che si deve pretendere dal giornalista è la sincerità nel riferire ciò che ha visto, cioè come lui ha visto le cose>.
È utile ricordare che il giornalista, come del resto ogni uomo, non vede solo con gli occhi, ma anche e soprattutto quel filtro <RIFLENTE> razionale che è la sua <concezione del mondo>, cioè la sua cultura. L'atto del <vedere>, così come quello del riferire, è sempre soggettivo.
< Attenzione, però:> ammonisce Piero Ottone, ex direttore del <Corriere della Sera> < le mie simpatie politiche devono sempre venire dopo il mio desiderio di capire e di far capire quello che succede.>

Lorenzo Pontiggia il Poeta marylory
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 12/06/2014 :  16:05:27  Rispondi allegando il testo
PASSAGGIO IN MONGOLIA - COSE VISTE E PENSATE – OSTELLINO - RIZZOLI
Sugli altipiani di questa parte dell'Asia centrale gli uomini montano ancora i piccoli cavalli indigeni, quasi in piedi sulla sella di legno, come ai tempi di Gensis Khan. Il mongolo, nomade e pastore, mangia una sola volta al giorno e passa il resto del suo tempo a cavalcare e a radunare il bestiame che localizza con misterioso sesto senso (riflente).
I <nuovi mongoli>, educati alla scuola leninista sovietica, sono molto orgogliesi d'essere passati direttamente dal feudalesimo al socialismo, senza passare attraverso lo stadio capitalistico, realizzando l'ipotesi di Lenin e smentendo la profezia di Marx.
Ma la vita, qui, sembra in realtà essersi fermata e il socialismo è un ben strano socialismo, a meta strada fra quello sovietico, gerarchico, già imbevuto di cultura industriale occidentale e quello cinese, egualitario e agricolo. Fra cultura asiatica e la nuova ideologia europea.
Il viaggio da Mosca a Ulan Bator, cinquemila Km, dura circa 10 ore di aereo con due soste...
La Mongolia è, dopo l'Unione Sovietica, il più vecchio paese socialista del mondo. Nel 1921, era una provincia autonoma della Cina quando un giovane ventottenne, Seku Bator, entro nella capitale, che allora si chiamava Urga; a proclamarvi la fine della dominazione cinese e a costituirvi un governo popolare. Seku Bator è immortalato in un momumento equestre nella grande piazza di Ulan Bator – che significa <eroe rosso>.
Il paese è grande quanto Francia, Gran Bretagna, Irlanda e Portogallo. Si trova alla stessa latitudine dell'Italia settentrionale, ma le temperature arrivano a 40 gradi sotto zero d'inverno e 40 gradi sopra lo zero d'estate.
Il cielo azzurro, limpidissimo, che giustifica il nome di <paese dei cieli azzurri > che la leggenda assegna alla Mongolia. Le difficili condizioni di vita hanno fatto del pastore mongolo un uomo duro, ma anche solidale con il suo prossimo, generoso e ospitale...
Qui, nella capitale del più vecchio paese socialista del mondo, dopo l'Unione Sovietica. Vive il lamaismo, una corrente del buddismo, nata nel Tibet nel XV secolo e diffusasi poi in Mongolia interna e in quella esterna, in alcune regioni del Nepal e nell'India. Il suo <pontefice> è il Dalai Lama.
I giacimenti di rame della Mongolia fanno gola alla Russia, la quale assorbirà tutta la produzione.
Il rame mongolo sta all'Urss come il rame cileno stava agli Usa.

Lorenzo Pontiggia il Poeta marylory
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 13/06/2014 :  10:48:35  Rispondi allegando il testo
LA TRANSIBERIANA un treno fra due comunismi- COSE VISTE E PENSATE – OSTELLINO - RIZZOLI

Giugno 1978. ho percorso 8976 kilometri in treno da Mosca a Pechino, 6641 in territorio sovietico, 2335 in territorio cinese. Sono partito un venerdì sera da Mosca e sono arrivato il venerdì mattina.
Il treno ha toccato 38 città fermandosi non più di quindici minuti. Il biglietto di andata Mosca-Pechino di prima classe costa 226 rubli, 316.000 lire circa, con un servizio che lascia alquanto desiderare... Questi vagoni non sono sovraffollati perché il costo del biglietto per il russo medio è troppo elevato... Il viaggio è gradevole oltre istruttivo e interessante.
Dopo venti minuti, siamo già immersi nei boschi di betulle che circondano Mosca...
Sabato. Sveglia col solito tè bollente (e biscotti). Siamo ancora nella Russia europea. Attraversiamo immense pianure incolte, interrotte qua e là da laghetti e piccoli gruppi di Izbe (piccole abitazioni russe), sotto cieli tersi e senza fine.
A Balezino, nel cuore della campagna, la gente del posto fa la fila davanti al vagone ristorante del treno per acquistare uova, salsicce e quant'altro viene messo in vendita. Spettacolo che si ripeterà in tutte le stazioni fino alla frontiera cinese. È la conferma che il paese sta attraversando una delle crisi alimentari più serie della sua storia.
Domenica siamo in ritardo di cinque ore. Nella notte abbiamo traversato gli Urali, siamo passati da Sverdlovsk – dove nel 1918 furono trucidati Nicola II e la sua famiglia – e abbiamo lasciato alle nostre spalle la Russia europea.e il freddo. Siamo in Asia. Fa caldo e splende un magnifico sole.
La gente, nei prati, a piccoli gruppi, si rinfresca nei laghetti e nei torrenti. Siamo a Tjumen: città fondatas dai russi in siberia (nel 1518), sui resti di una vecchia città tartara, e il treno cammina letteralmente su un mare di petrolio sotterraneo. Il futuro energetico dell'Urss non è ancora incominciato – mentre l'occidente vive già la sua crisi - , gli immensi giacimenti sono sfruttati in minima parte, ma per sfruttarli i russi hanno bisogno della tecnologia e dei finanziamenti dei paesi capitalisti.
Dopo Mariinsk è cominciata la “taiga”, i boschi di pini fitti e alti. Rose e anemoni selvatici crescono lunga la massicciata della ferrovia. Poco prima di Krasnojarsk, il paesaggio muta,. Colline sulle quali si vedono villaggi di izbe ( anche grossi).
La periferia della città offre uno spettacolo di grande povertà.
Migliaia di casupole di legno, alcune simili alle baracche di certe bidonville occidentali, spesso sbilenche per gli smottamenti del terreno durante il disgelo.
La città festeggia i 350 anni della sua\ fondazione. Ma resta un grande villaggio di frontiera, anche se il suo cielo è ora grigio del fumo delle sue fabbriche e il sole - al tramonto – è appannato dall'inquinamento atmosferico. Attraversiamo lo Jenisej, il grande fiume siberiano, largo come un lago. Fuori Krasnojarsk, la luna gioca a rimpiattino con gli alberi della taiga e illumina le improvvise praterie ondulate. Le punte dei pini si stagliano contro l'azzurro cupo del cielo. Spettacolo nello spettacolo...
Martedì. Il treno ha sette ore di ritardo. Dopo Irkutsk, il lago Bajkal è avvolto nella bruma e varia i colori del cielo azzurro, rosa, grigio. Le luci dei suoi porti si riflettano nell'acqua. Superiamo decine di stazioncine con le antiche torri di legno dei tempi degli zar.
Mercoledì. Il terreno è diventato brullo, arido. Al ristorante della stazione di Karinskaja si mangia lardo affumicato e salato, focacce di pane, pasticcini. Il convento non passa altro.
Arriviamo alla frontiera di Zabajkalsk di notte. Le ore si differenza con Mosca sono sei, ma subito dopo la frontiera diventeranno cinque (ora di Pechino per tutta la Cina). I doganieri russi parlano solo russo, quelli cinesi parlano russo e inglese. S'informano del ritardo e in quali punti il treno ha rallentato e, secondo me, perché. Le vie dello spionaggio sono infinite.
Si cambiano i carrelli del treno (lo scartamento russo è diverso e più grande di quello degli altri paesi), alla luce dei riflettori e della luna. Potenti krik e montacarichi con su vari scritti <Proletari di tutto il mondo unitevi>, <I lavoratori assicurano la realizzazione del piano>... L'operazione viene compiuta nel giro di un ora e mezzo. Cui i viaggiatori possono mangiare in un ristorante decente che offre un menu più ricco del solito: è lo stesso, unificato per tutte le città turistiche, dei ristoranti di Mosca.Il treno riprende il suo cammino sulle rotaie all'interno dei binari dello scartamento precedente. Si nota un grande monumento con la scritta CCCP (SSSR in lettere latine: Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche) segna il punto limite del territorio sovietico.
Arriviamo alla prima stazione (Manciuli), accolti dall'inno nazionale trasmesso dagli altoparlanti. Ne ripartiremo al suono dell'Internazionale, dopo aver ascoltato, per 90 minuti di sosta canzoni rivoluzionarie e moderne su arie analoghe a quelle delle vecchie musiche imperiali. L'impatto con la Cina è stato morbido.
Un mondo culturalmente lontano migliaia di anni-luce da quello che abbiamo appena lasciato a pochi chilometri.
Giovedì. I villaggi sono poveri. Le case di fango tenute assieme dalla paglia (al sud, vicino a Shanghai... s'incontrono deliziose casette bianche in muratura col tetto color ardesia). Non c'è un solo metro quadro di terreno che non sia coltivato. Lungo la massicciata della ferrovia crescono verdure di tutti i tipi, nei campi la gente lavora, nei laghetti e negli stagni i bambini sguazzano felici a centinaia.
Al vagone ristorante – lindo e accogliente – il menù è ricchissimo ed eccellente... è una cuccagna!
Venerdì. Shenyang (la vecchia Mukden), Tangshan, epicentro del terremoto che sconvolse queste zone fino a Pechino nel 1976, centinaia di baracche col tetto di lamiera ondulata, gli edifici di muratura spaccati, piegati su un fianco. Pulizia e dignità dappertutto. Ed è subito Pechino. L'avventura transiberiana è finita.

Lorenzo Pontiggia il Poeta marylory
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 13/06/2014 :  14:07:47  Rispondi allegando il testo
Il comportamento del sindaco Orsoni, imperterrito segue le orme “del sistema corrotto e marcio” nello stare a galla fregandosi della vera morale Aristotelica, ma attenendosi alla iniquità dei fondamentalismi, ideologie, tessere, colori, che hanno per fine la schiavitù del prossimo. Inoltre venendo meno ai giuramenti fatti all'atto della nomina e il governo glielo permette: si cambia per non cambiare! Menre scrivo il suo padrone gli ordina per il bene del “carozzone” di dare le dimissioni che è il minor dei mali...
In Italia per essere consigliere o sindaco... bisogna dimostrare di saper leggere e scrivere, questa è la primaria base per fare politica...
Questo regola è la base della DEMOCRAZIA, ovvio che ci vuole dirittura Etica, Morale, presupposti per usare il BUONSENSO nell'essere ONESTI e Capaci al servizio del Sociale.
Creai nel 1064 la lista Civica DIE che in latino vuol dire il cambiamento o giorno nuovo...
Nella mia semplicità e libertà feci risparmiare miliardi facendo opposizione costruttiva, bocciando spese folli e non essere mai correo, e tutto da solo nel far vincere la purezza del pensiero Cristiano (che allora ci credevo).
Proprio ieri un politico di "ROMA ladrona", mi confessa: < Che le dispiace di non aver approfittato...>.
Lo guardai e senza pensarci (come è il mio solito) dissi: devi essere fiero del tuo comportamento!
Lorenzo Pontiggia il Poeta marylory
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 15/06/2014 :  18:50:41  Rispondi allegando il testo
USARE LA RIFLENTE

Le persone speciali non si
vedono ma si fanno sentire...

I furbi maliziosi sono infelici,
sparlano imbrogliando se stessi...

Vogliono apparire d'essere saggi
nel pagare i dovuti tributi...

La classe che domina è insoddisfatta,
virus contagioso elargito al popolo...

Vivere il proprio tempo nel dare il meglio
nel gioco del Vivere è ETERNITÀ

IL POETA MARYLORY
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 17/06/2014 :  16:56:38  Rispondi allegando il testo
La Scienza è Vita

Ognuno è un granello...
Principio della Comunità...

Il p.c. è creato dal Sesto Senso
la RIFLENTE per conoscerci e,

collaborare in Energia-madre
nel Vivere in Riflente

lasciando un futuro Umano
ai figli non ancor concepiti....

Il fine d'ogni "cellula"
è spaziare in Armonia Sociale...

il Poeta
Vai ad inizio pagina

lore
Utente

Messaggi 5015

Spedito - 17/06/2014 :  19:19:45  Rispondi allegando il testo
DNA / RNA

Fulcro Naturale: / Minerale, Vegetale, Animale: /
Biologia Energia /

Nulla si Disperde, /
si Trasforma, si Ricrea... / TALETE, ARISTOTELE /

Acido ribonucleico /
funzioni biologiche bio-sintesi RNA / Codice sviluppo... (RIFLENTE). /

Amminoaici = sintesi proteica, / atomi, molecola intermedia, / nucleo Cromosoni: DNA /

il Poeta Marylory
Vai ad inizio pagina
Pagina di 95 Discussione precedente Discussione Discussione successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Vai a:
Forum Bulgaria-Italia © 2000-2020 Bulgaria-Italia Vai ad inizio pagina
 Modded By: Image Forums 2001 This page was generated in 0,11 seconds. Snitz Forums 2000


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo