Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
Italiano Benvenuti nel forum: è a vostra disposizione per porre delle domande, raccontare storie, scambiare opinioni sulla Bulgaria e i suoi rapporti con l'Italia, conoscere nuovi amici...  Informazioni e regolamento del Forum Bulgaro Добре дошли в форума! Той е на ваше разположение за вапроси, мнения, срещи с нови приятели, така както и за запознаване на обикновения италианец с България... Информация и правилник за Форума
 Club | Utenti | A-Z | Cerca | Statistiche | Il tuo profilo | Chat | Incontri | Annunci | Forum 
Nome utente:
Password:
Selezione lingua
Salva la password     Hai dimenticato la Password?

Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Forum in lingua italiana
 In Italia e nel Mondo
 Libia
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione precedente Discussione Discussione successiva
Pagina di 9

penelope78
Utente

Messaggi 13

Spedito - 01/09/2011 :  10:57:17  Rispondi allegando il testo
Ebbene si´, pare che siamo agli sgoccioli... il problema e´ che in questi sgoccioli c´e´ ancora troppa gente innocente che muore per la libertä del proprio paese. Gheddafi e´ uno schifoso dittatore, e in quanto tale va arrestato insieme a tutti quelli che lo appoggiano e consegnato in mano al popolo che ha sottomesso con la violenza per tutti questi anni! Che la Russia intervenga e´ cosa molto rilevante e positiva... almeno per una volta non e´ solo l´Occidente filoamericano a intervenire!
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 22/09/2011 :  23:02:23  Rispondi allegando il testo
Obiettivamente, Russia e Cina ono state alla finestra e soltanto a cose (quasi) fatte sono intervenute. Soltanto a parole.

Klaudio
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 22/09/2011 :  23:08:14  Rispondi allegando il testo
Sottotitolo esilarante attinge all'inconscio..

LIBIA, Ue Revoca Embargo Armi E Scongela Asset
Giovedì, 22 Settembre 2011: Peacereporter.net
La decisione è stata presa per 'sostenere la ripresa delle attività nei settori petrolifero e bancario e per agevolare il nuovo governo'

Klaudio (dopo 2 settimane di ospedalizzazione)
Vai ad inizio pagina

enderlandia
Utente

Messaggi 601

Spedito - 24/09/2011 :  14:01:43  Rispondi allegando il testo
quali settori?

uno pensa che dopo una guerra sia magari importante pensare ai viveri...

:)

Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 28/09/2011 :  20:32:48  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da enderlandia

quali settori?

uno pensa che dopo una guerra sia magari importante pensare ai viveri...

:)







Infatti: viveri, medicinali, genieri per la ricostruzione, no che riprendiamo a vendergli le armi!
Klaudio
Vai ad inizio pagina

korki
Utente

Messaggi 838

Spedito - 06/10/2011 :  20:26:33  Rispondi allegando il testo
A regola come guerra (?) civile sta durando relativamente poco (cinismo a parte eh !).
Buon Klaudio, il grande Gheddafi non lo prendono più.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 19/10/2011 :  12:02:28  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da korki

A regola come guerra (?) civile sta durando relativamente poco (cinismo a parte eh !).
Buon Klaudio, il grande Gheddafi non lo prendono più.




Prima o poi lo beccano: Adolf Otto Eichman fu preso e processato 15 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale.
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2767

Spedito - 20/10/2011 :  19:17:31  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da klaudio


Prima o poi lo beccano ...




BECCATO !!!
Vai ad inizio pagina

korki
Utente

Messaggi 838

Spedito - 20/10/2011 :  19:58:09  Rispondi allegando il testo
eh già...
adesso spero nella loro capacità (libica) di andare avanti.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 23/10/2011 :  14:01:18  Rispondi allegando il testo
Eh si, beccato e ucciso in maniera disumana, purtroppo era fatale che accadesse se fosse caduto vivo nelle mani di un gruppuscolo d'insorti. Non ha avuto il buon senso di fuggire all'estero finchè poteva, aveva perso da tempo il senso della realtà e della misura, s'illudeva di ribaltare la situazione.
Comincia un'era nuova per i libici, cui rivolgo i migliori auguri, ma il percorso democratico si presenta lungo e difficile.
Vai ad inizio pagina

enderlandia
Utente

Messaggi 601

Spedito - 08/11/2011 :  07:53:33  Rispondi allegando il testo
esiste uccidere in maniera umana? :)

certo e' bello vedere come ci baciassero mani e piedi per generazioni e poi ci hanno dato la caccia come ad una bestia. O tempore, o mores.
actually happends allways, Saddam, Milosevich, Maria Antoanetta, Pericle...

Modificato da - enderlandia on 08/11/2011 08:28:11
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 09/11/2011 :  13:16:35  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da enderlandia

esiste uccidere in maniera umana? :)





Per te non farebbe differenza essere ucciso da una revolverata o essere linciato?
Vai ad inizio pagina

enderlandia
Utente

Messaggi 601

Spedito - 15/11/2011 :  14:58:28  Rispondi allegando il testo
Mi pare la differenza sia in pochi minuti di sofferenza?

Poverini quelli che soffrono tutta la vita.
Vai ad inizio pagina

korki
Utente

Messaggi 838

Spedito - 10/05/2012 :  08:44:46  Rispondi allegando il testo
Ciao Klaudio, riprendo questo 3d poiché il tutto è finito nel limbo.

La situazione come è ? Dal poco che si legge (ora) da quel Paese, mi risulta alquanto instabile. Qualche previsione ?
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 14/05/2012 :  01:18:11  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da korki

Ciao Klaudio, riprendo questo 3d poiché il tutto è finito nel limbo.

La situazione come è ? Dal poco che si legge (ora) da quel Paese, mi risulta alquanto instabile. Qualche previsione ?




Le poche notizie che mi arrivano non sono confortanti: il voto viene boicottato, le tribù si guardano in cagnesco, non si vede un uomo in grado di prendere il controllo del paese. Gheddafi c'era riuscito con la violenza, gli arabi forse non sono fatti per la democrazia. Terrò un aggiornamento appena possibile.

Klaudio
Vai ad inizio pagina

maaric
Utente

Messaggi 2767

Spedito - 14/05/2012 :  16:27:19  Rispondi allegando il testo
E come e' andata a finire con gli Italiani Rimpatriati dalla Libia ?
Gheddaffi non c'e' piu'..
L' italia, dopo aver bloccato i beni della famiglia gheddaffi, ha deciso di consegnarli "cavallerescamente" al popolo libico ...
Brava, cosi' si fa' !!..
E gli italiani rimpatriati, che da sempre chiedono un rimborso per quello che hanno lasciato in libia..?
L' hanno finalmente avuto..?, e nessuno ne ha parlato ??
Non ne parlano neanche loro nel sito dell' associazione :

http://www.airl.it/index.php

Li' e' come se il tempo si sia fermato, la notizia piu' fresca in Home page, e' per un convegno che si terra' .., il 29 e 30 ottobre del 2011 !!!
Gheddaffi e' stato fatto fuori il 20 ottobre del 2011 ..
L' avranno poi fatto quel convegno, cosa hanno detto, cosa si e' deciso ??
Possibile, che quando finalmente, l' italia aveva un gruzzolo di libica provenienza, i rimpatriati non si siano fatti sentire, almeno per dire ..:
"Ok, restituiamo il bottino di Gheddaffi agli abitanti della Libia, ma anche NOI fino al 1970 eravamo abitanti IN libia, NON ce ne siamo andati via noi, ci ha scacciato proprio quel Gheddaffi li'!!"..
Non lo so' sento puzza di insabbiamento..
E di sabbia, se non bastasse quella italiana, in libia c'e' ne' in abbondanza ..

Maaric
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 14/05/2012 :  20:38:48  Rispondi allegando il testo
Citazione:
Originariamente inviato da maaric

E come e' andata a finire con gli Italiani Rimpatriati dalla Libia ?
Gheddaffi non c'e' piu'..
L' italia, dopo aver bloccato i beni della famiglia gheddaffi, ha deciso di consegnarli "cavallerescamente" al popolo libico ...
Brava, cosi' si fa' !!..
E gli italiani rimpatriati, che da sempre chiedono un rimborso per quello che hanno lasciato in libia..?
L' hanno finalmente avuto..?, e nessuno ne ha parlato ??
Non ne parlano neanche loro nel sito dell' associazione :

http://www.airl.it/index.php

Li' e' come se il tempo si sia fermato, la notizia piu' fresca in Home page, e' per un convegno che si terra' .., il 29 e 30 ottobre del 2011 !!!
Gheddaffi e' stato fatto fuori il 20 ottobre del 2011 ..
L' avranno poi fatto quel convegno, cosa hanno detto, cosa si e' deciso ??
Possibile, che quando finalmente, l' italia aveva un gruzzolo di libica provenienza, i rimpatriati non si siano fatti sentire, almeno per dire ..:
"Ok, restituiamo il bottino di Gheddaffi agli abitanti della Libia, ma anche NOI fino al 1970 eravamo abitanti IN libia, NON ce ne siamo andati via noi, ci ha scacciato proprio quel Gheddaffi li'!!"..
Non lo so' sento puzza di insabbiamento..
E di sabbia, se non bastasse quella italiana, in libia c'e' ne' in abbondanza ..

Maaric






Osservazioni pertinenti.
Approvo che i beni confiscati a Gheddafi e alla sua famiglia di predoni siano restituiti al popolo libico. Piuttosto, a Roma risulta un enorme, lussuoso appartamento in zona Via Veneto, appartenente ai sopraddetti. Poichè non può essere consegnato in Libia e a Roma già esiste un'ampia ambasciata libica con giardino, il che sconsiglia un cambiamento, forse verrà messo all'asta e il ricavato consegnato al popolo libico. Ma qui mi sorge una domanda: Si tratterà di un'asta regolare, o pilotata perchè il mega appartamento situato in zona da diecimila euro al mq. venga assegnata ai soliti noti?
Gli italiani di Libia, tra cui il sottoscritto nel corso degli anni o meglio dei decenni, hanno ricevuto degli acconti. La rivalutazione e il saldo erano stati quasi approvati in Parlamento, ma poi è arrivato Monti..
Personalmente non me ne frega un tubo, primo perchè non possedevo un gran che, a parte un buonissimo lavoro, secondo perchè a distanza di 40 anni se avessi aspettato quei soldi sarei morto di fame. Se fossi giovane tornerei in Libia, dove esistono un sacco di opportunità, ma posso solo suggerirlo a chi volesse espatriare con profitto. Nel periodo prerivoluzionario, diversi bulgari erano in Libia per un lavoro ben retribuito.
Di notizie, al momento ho trovato solo quella qui sotto:

http://www.atlasweb.it/2012/05/10/libia-la-polizia-mette-fine-alla-proteste-contro-agoco-579.html

Do skoro.

Klaudio
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 23/05/2012 :  12:41:16  Rispondi allegando il testo
Segnalo un articolo condivisibile, io credo. Non m'è riuscito il trasferimento del link - a volte succede - dunque non mi resta che il copia-incolla:


Libia, i crimini impuniti della Nato

di Riccardo Noury | 21 maggio 2012
Commenti (53)


Più informazioni su: Cnt, Libia, nato, Oana Langescu, vittime civili.

Share on print Share on email More Sharing Services 15


Tra il primo e il secondo tempo della mattanza libica del 2011, tra i crimini commessi da Gheddafi a Bengasi e quelli commessi dal Consiglio nazionale di transizione (Cnt) a Sirte, tra i massacri commessi dai lealisti a Misurata e la cacciata di massa dei Tawargha da parte degli insorti, rischiano di rimanere in secondo piano i crimini commessi dalle forze Nato nel corso dell’intervento militare in Libia.

Un numero “piccolo” rispetto al computo dei morti della guerra in Libia, ma non per questo meno importante: da un dato minimo di 55 vittime civili fornito da Amnesty International a marzo alle almeno 72 secondo il rapporto diffuso da Human Rights Watch il 14 maggio.

Le due organizzazioni per i diritti umani concordano su tre questioni, drammatiche e importanti: tutte le vittime erano completamente estranee ai combattimenti e sono state uccise all’interno delle loro abitazioni; più della metà delle vittime erano donne e bambini; la Nato, per quanto abbia cercato di ridurre al minimo le “perdite collaterali”, finora non ha indagato né si è assunta la responsabilità di ammettere le proprie colpe e risarcire i parenti delle persone decedute negli attacchi aerei.

“La Nato fece tutto il possibile per ridurre al minimo i rischi per i civili, ma in una complessa campagna militare, questo rischio non può mai essere ridotto a zero”, ha dichiarato la portavoce Oana Langescu in replica al rapporto di Human Rights Watch.

Ad Amnesty International, il 13 marzo, la Nato aveva dichiarato di essere “profondamente dispiaciuta per ogni danno che possa essere stato causato da quegli attacchi aerei”, ma di non avere “alcun mandato per svolgere qualsiasi attività in Libia dopo la fine, il 31 ottobre 2011, dell’Operazione protettore unificato” e che “la responsabilità principale” delle indagini è delle autorità libiche.

Effettivamente, la Nato fece sforzi significativi per ridurre il rischio di causare vittime civili, ad esempio utilizzando munizioni guidate di precisione e, in alcuni casi, avvisando preventivamente la popolazione delle aree individuate come bersaglio. Durante i sette mesi di campagna militare aerea e marittima in Libia, furono lanciati oltre 9700 attacchi e vennero colpiti oltre 5900 obiettivi militari. Che le vittime civili, forse, siano state meno di 100 pare un miracolo.

Ma le frasi di rincrescimento e autoassoluzione non possono bastare.

Nelle abitazioni private colpite dagli attacchi aerei della Nato a Tripoli, Zlitan, Majer, Sirte e Brega, così come in altri centri della Libia, le due organizzazioni per i diritti umani non hanno rinvenuto alcuna prova che venissero usate per scopi militari al momento dell’attacco.

La sera dell’8 agosto 2011, due abitazioni, appartenenti alle famiglie Gafez e al-Ja’arud, sono state colpite a Majer, a ovest di Misurata. Secondo le testimonianze della famiglia sopravvissuta, 34 persone tra cui otto bambini e otto donne, sono morte e diverse altre sono rimaste ferite in tre distinti attacchi aerei. La famiglia non era a conoscenza di movimenti di persone o attività in corso nei pressi delle abitazioni che potessero spiegare gli attacchi.

Quanto al trasferimento della “responsabilità principale” alle autorità libiche, va detto che prima del 31 ottobre 2011 la Nato non ha fatto nulla per indagare sui civili uccisi e feriti dai suoi attacchi aerei nelle aree poi passate sotto il controllo del Cnt. Quelle aree erano pienamente accessibili in condizioni di sicurezza a chi avesse voluto indagare. Tutti i sopravvissuti e i parenti dei civili uccisi dalla Nato che Amnesty International ha incontrato hanno affermato di non essere mai stati contattati dalla Nato o dal Cnt.

Se meno di 100 vittime civili sembrano poche, non è inutile ricordare che nel mar Mediterraneo morirono, nel tentativo di raggiungere l’Europa, almeno 1500 migranti in fuga dalla Libia in guerra. In un periodo nel quale mai come prima il Mediterraneo era pattugliato dal cielo e dal mare, è uno scandalo enorme.

La “protezione dei civili”, ossia ciò che molti paesi erano andati a fare, con entusiasmo o imbarazzo, in Libia, evidentemente per quelle 1500 persone non valeva.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 16/06/2012 :  19:10:01  Rispondi allegando il testo
Devo constatare e ammettere che ero stato troppo ottimista sulla sorte della Libia post Gheddafi. Sapevo che gli arabi e i musulmani in genere non sono fatti per la democrazia, ma la "primavera araba" mi aveva illuso.
Credo che giunti a questo punto, chi li ha "liberati" con le armi debba intervenire duramente in sede diplomatica. Certo l'Italia dovrebbe preoccuparsi del caos dilagante nel paese nostro dirimpettaio mediterraneo, ma il governo Monti è raccogliticcio, personalmente non so nemmeno chi sia il ministro per gli Affari esteri.

http://www.tendenzamercati.net/mondo/la-libia-delle-milizie-arresta-anche-i-diplomatici.html

Klaudio
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 19/06/2012 :  18:41:26  Rispondi allegando il testo

http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2012/6/17/Libia-governo-schiera-truppe-nella-zona-ovest-del-paese/292392/

Klaudio
Vai ad inizio pagina
Pagina di 9 Discussione precedente Discussione Discussione successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Vai a:
Forum Bulgaria-Italia © 2000-2019 Bulgaria-Italia Vai ad inizio pagina
 Modded By: Image Forums 2001 This page was generated in 0,08 seconds. Snitz Forums 2000


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo