Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
Italiano Benvenuti nel forum: è a vostra disposizione per porre delle domande, raccontare storie, scambiare opinioni sulla Bulgaria e i suoi rapporti con l'Italia, conoscere nuovi amici...  Informazioni e regolamento del Forum Bulgaro Добре дошли в форума! Той е на ваше разположение за вапроси, мнения, срещи с нови приятели, така както и за запознаване на обикновения италианец с България... Информация и правилник за Форума
 Club | Utenti | A-Z | Cerca | Statistiche | Il tuo profilo | Chat | Incontri | Annunci | Forum 
Nome utente:
Password:
Selezione lingua
Salva la password     Hai dimenticato la Password?

Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Forum in lingua italiana
 In Italia e nel Mondo
 Infermiere prigioniere in Libia
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione precedente Discussione Discussione successiva
Pagina di 8

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 12/12/2005 :  22:28:40  Rispondi allegando il testo
Secondo una notizia diffusa dalla CNN in un paese arabo,le autorità libiche avrebbero proposto al governo di Bruxelles,circa un mese fa,di scambiare le infermiere bulgare con un misterioso individuo associato ad un carcere belga. Tale richiesta sarebbe stata respinta.
Se la notizia risponde al vero si tratta di una presa di posizione inammissibile,tanto più che sembra escluso trattarsi di un terrorista. Ma c'è qualcuno che si rende conto,ad alto livello,in quale miserrimo stato psicofisico versino quelle sventurate creature?
Visto che il ministero degli esteri bulgaro si trincera dietro la pretestuosa affermazione che pagare equivarrebbe a riconoscere la colpa delle proprie connazionali (come se il mondo non sapesse la verità,grazie alla testimonianza di eminenti scienziati),perchè il povero ma generoso popolo bulgaro non fa una sottoscrizione per pagare il prezzo del riscatto? Di fronte a un simile atto,di sicura risonanza internazionale,non è escluso che i libici vorrebbero evitare il sovrappeso pubblicitario di quella che,al di là d'ogni dubbio,ha varcato i confini nazionali per diventare una vergognosa vicenda d'interesse internazionale.
klaudio

Modificato da - klaudio on 12/12/2005 22:32:54
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 16/12/2005 :  18:51:50  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da klaudio


Visto che il ministero degli esteri bulgaro si trincera dietro la pretestuosa affermazione che pagare equivarrebbe a riconoscere la colpa delle proprie connazionali (come se il mondo non sapesse la verità,grazie alla testimonianza di eminenti scienziati),perchè il povero ma generoso popolo bulgaro non fa una sottoscrizione per pagare il prezzo del riscatto?
klaudio



Non dirai sul serio...vero?

Mah!!

Pietro.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 16/12/2005 :  20:21:25  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da pietro

quote:
Inviato in origine da klaudio


Visto che il ministero degli esteri bulgaro si trincera dietro la pretestuosa affermazione che pagare equivarrebbe a riconoscere la colpa delle proprie connazionali (come se il mondo non sapesse la verità,grazie alla testimonianza di eminenti scienziati),perchè il povero ma generoso popolo bulgaro non fa una sottoscrizione per pagare il prezzo del riscatto?
klaudio



Non dirai sul serio...vero?

Mah!!

Pietro.





PENSI CH'IO SIA TROPPO FANTASIOSO PER SCRIVERE IN QUESTO FORUM?

CI RIFLETTERO',POTRESTI AVER RAGIONE...
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 17/12/2005 :  12:25:14  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da klaudio
...perchè il povero ma generoso popolo bulgaro non fa una sottoscrizione per pagare il prezzo del riscatto?
klaudio



[/quote]
PENSI CH'IO SIA TROPPO FANTASIOSO PER SCRIVERE IN QUESTO FORUM?
CI RIFLETTERO',POTRESTI AVER RAGIONE...
[/quote]

Troppo fantasioso???

Ma figurati...!

Allora avevo 30 anni, ma ricordo che uno slogan sessantottino urlava "LA FANTASIA AL POTERE!"

Potresti anche aver ragione...!

Ora stiamo a vederde se qui ci saranno altri interventi in merito e CHI del “povero ma generoso popolo bulgaro farà una sottoscrizione per pagare il prezzo del riscatto“.

Pietro.
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 19/12/2005 :  12:58:20  Rispondi allegando il testo
Erroneamente ho cancellato il precedente messaggio di Klaudio...

Chiedo al Webmaster: è possibile recuperarlo?

Mi spiace!

Pietro.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 19/12/2005 :  16:01:33  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da pietro

Erroneamente ho cancellato il precedente messaggio di Klaudio...

Chiedo al Webmaster: è possibile recuperarlo?

Mi spiace!

Pietro.




Eh,troppo comodo,dovevi impararlo a memoria!

VOLENDO si può recuperare,stai tranquillo...

Klaudio
Vai ad inizio pagina

francesca
Utente

Messaggi 62

Spedito - 23/12/2005 :  10:22:14  Rispondi allegando il testo
La decisione del tribunale di Tripoli è stata anticipata al 25 dicembre 2005.

Speriamo che la data sia stata scelta per un buon fine.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 23/12/2005 :  21:23:33  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da klaudio

quote:
Inviato in origine da pietro

Erroneamente ho cancellato il precedente messaggio di Klaudio...

Chiedo al Webmaster: è possibile recuperarlo?

Mi spiace!

Pietro.




Eh,troppo comodo,dovevi impararlo a memoria!

VOLENDO si può recuperare,stai tranquillo...

Klaudio




Avevo detto VOLENDO...
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 23/12/2005 :  21:30:36  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da francesca

La decisione del tribunale di Tripoli è stata anticipata al 25 dicembre 2005.

Speriamo che la data sia stata scelta per un buon fine.




Cara Francesca,certo è una strana coincidenza... Dedicheremo un pensiero,una preghiera anche per loro.
Klaudio
Vai ad inizio pagina

prinz_eugen
Utente

Messaggi 444

Spedito - 25/12/2005 :  17:33:10  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da francesca

La decisione del tribunale di Tripoli è stata anticipata al 25 dicembre 2005.

Speriamo che la data sia stata scelta per un buon fine.



...Sembrerebbe di sì. La Suprema Corte di Tripoli ha rimandato il caso al tribunale di Bengasi affinchè lo "riesamini"

http://www.bta.bg/site/NEWS/tema1/index.html

Ora, non so nulla circa il sistema giuridico libico, ma da noi dovrebbe essere all'incirca come quando la Cassazione chiede un nuovo processo. Forse era la migliore decisione che ci potessimo aspettare, a parte il fatto che i sei dovranno ancora patire chissà quanto.
Buon Natale.
Prima di tutto ad Al A6raf Al Hajudj, Valentina Siropulo, Valq 4ervenq6ka, Kritqna Val4eva, Nasq Nenova e Snezana Dimitrova.
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 25/12/2005 :  17:33:16  Rispondi allegando il testo
25 dicembre 2005

Libia, cancellate le condanne a morte per le infermiere bulgare

http://www.euronews.net/create_html.php?page=detail_info&article=328058&lng=4

http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID=2005-12-25T095426Z_01_POL534421_RTRIDST_0_OITTP-BULGARIA-LIBIA.XML

Modificato da - pietro on 25/12/2005 23:03:27
Vai ad inizio pagina

prinz_eugen
Utente

Messaggi 444

Spedito - 31/12/2005 :  14:29:39  Rispondi allegando il testo
Qualche dettaglio in più, da un lancio d'agenzia, giratomi da Paolo Pignocchi di Amnesty International.


-----------------------------------------------------------

LIBIA REVOCA CONDANNA MORTE PER INFERMIERE BULGARE E MEDICO



Tripoli, 25 dic. (Apcom) - Nuova speranza per le cinque infermiere bulgare e
per il medico palestinese che la Libia aveva condannato a morte: la corte
suprema di Tripoli ha oggi ordinato un nuovo processo sulla vicenda
annullando la precedente sentenza, in un caso che aveva suscitato aspre
proteste internazionali e provocato forti pressioni sul regime di Gheddafi.
La decisione fa seguito a un accordo fra Libia e Bulgaria per la creazione
di un fondo internazionale di aiuto alle vittime dell'Aids.

Le cinque infermiere e il medico erano stati condannati proprio con l'accusa
di aver fatto infettare col virus dell'Aids a centinaia di bambini libici.
Oggi la più alta istanza giudiziaria libica, dopo un'ora di camera di
consiglio, ha "accettato il ricorso delle infermiere bulgare e ordinato lo
svolgimento di un nuovo processo davanti al tribunale penale di Benghazi" ha
annunciato il presidente della Corte suprema, Ali al-Alous.

La vicenda dovrà dunque essere nuovamente esaminata a Benghazi, a nord est
di Tripoli, là dove cominciò il 16 novembre 1999, e dove le infermiere e il
medico furono condannati a morte il 6 maggio 2004. Secondo la sentenza oggi
annullata per "vizi procedurali", avevano inoculato il virus Hiv a 426
bambini libici, 51 dei quali sarebbero morti. I sei furono condannati anche
a versare quasi un milione di dollari di indennizzo alle famiglie delle
vittime. Il ministro libico della Giustizia, Ali Hasnaui, ha dichiarato
all'agenzia France Presse che il nuovo processo si terrà "entro un mese" e
che i giudici non saranno i medesimi che avevano pronunciato la pena di
morte: "ci saranno dei nuovi giudici". Imprigionati da quasi sette anni, i
sei imputati si proclamano innocenti e hanno ottenuto il sostegno
dell'Unione europea e degli Stati Uniti."Siamo fieri della nostra giustizia"
ha commentato il loro avvocato libico, Othmane al-Bizanti, felicitandosi
perché la corte suprema ha riconosciuto l'esistenza di "violazioni
procedurali", e perché la difesa ha ottenuto il sostegno anche della
pubblica accusa per annullare la pena di morte contro i sei.

Ha espresso invece il suo disappunto l'avvocato delle famiglie della
vittime, Abdallah al-Moghrabi. "Sono sette anni che le famiglie attendono
che giustizia sia fatta. Ma non abbiamo ottenuto nulla e la decisione di
oggi giunge a spese delle famiglie che continuano a soffrire". Membri delle
famiglie hanno manifestato la loro ostilità davanti al tribunale scandendo
"ingiustizia, ingiustizia", bloccate dal servizio d'ordine, e hanno poi
proseguito la protesta nel centro di Tripoli, sulla Piazza Verde, brandendo
cartelli che chiedevano l'impiccagione delle infermiere e mostrando
fotografie dei bambini morti di Aids.
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 31/12/2005 :  17:40:02  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da prinz_eugen
La decisione fa seguito a un accordo fra Libia e Bulgaria per la creazione di un fondo internazionale di aiuto alle vittime dell'Aids.



Già...è bene quel che finisce bene e meno male che, facendo di necessità virtù è stato creato, fra Libia e Bulgaria, quel fondo internazionale.

Grazie quindi alle autorità bulgare, all'Unione Europea ed alle numerose organizzazioni umanitarie che sono intervenute esercitando pressioni sulla Libia affinchè la sentenza fosse rivista.

Pietro.
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 12/06/2006 :  19:42:25  Rispondi allegando il testo
Domani 13 giugno 2006 riprende, in Libia, il processo alle 5 infermiere bulgare ed al medico palestinese.

Forse "il caso" interessa ancora...

Pietro.
Vai ad inizio pagina

pietro
Moderatore

Messaggi 1696

Spedito - 13/06/2006 :  09:01:12  Rispondi allegando il testo
Se sette anni vi sembran pochi...ed i commenti forse troppi!

SOFIA NEWS AGENCY:

http://www.novinite.com/view_news.php?id=64907

French Lawyers: Intentional Libya HIV Infection Impossibile

Politics: 13 June 2006, Tuesday.

Medics have never intentionally infected anyone with the AIDS virus, Francois Cantier, head of the French association Lawyers Without Borders (Avocats sans frontiers) has said for the media.

Asked by French 20 Minutes, Cantier explains that he is certain in the innocence of Bulgaria's nurses and the Palestinian doctor jailed in Libya for infecting hundreds of children with HIV. He said that all the experts believe that the infection did not result from deliberate actions, and that it was caused by poor hygiene in the Benghazi hospital.

Six innocent people will face the courts on Tuesday, Cantier maintains.
As lawyers our approach should be solely professional, so we wouldn't want to address accusations at the Libyan regime and justice system, the head of the association added. He explained that the country needed a couple of scapegoats, and the fact that they were foreigners made them an even easier mark. There were other reasons, however, Cantier added. He pointed out that finding the guilty ones when such dramas occur was too hard.
The five Bulgarian nurses, who have spent over 7 years jailed in Libya, will stand before the Tripoli court for the second time on Tuesday, after their case was returned for a retrial. The five were sentenced to death by a firing squad on May 6, 2004.

Lawyers Without Borders is the world's largest group of volunteer lawyers from around the globe who stand ready to offer pro bono service to worldwide projects and initiatives. The organization's goal is to provide legal support to Rule of Law projects and initiatives in the human rights and nation building sectors at low or significantly discounted cost.

Come si dice “Mah!” in inglese o in bulgaro?

Pietro.
Vai ad inizio pagina

francesca
Utente

Messaggi 62

Spedito - 13/06/2006 :  09:39:27  Rispondi allegando il testo
Salve,
mi permetto di farvi notare che non si tratta di una notizia emanente da Novinite.com, ma di un testo trasmesso dagli avvocati francesi (Avocats sans frontières FRANCE) e semplicement ricopiato da Novinite.
Le infirmiere sono difese dall'avvocato libico Bizanti.
I Francesi (in effetti sono due Bulgari e un Francese) hanno il merito di avere sensibilizzato l'opinione pubblica francese avviando un altro processo di accusa contro i Libici (scusate, si dice cosi' ? o Libiani ?)che avrebbero torturato le infermiere per farle ammettere la loro colpevolezza. Gli accusati (i Libici) sono stati rilasciati e non si parla piu' di questo processo.
Vai ad inizio pagina

krassi
Utente

Messaggi 1549

Spedito - 13/06/2006 :  16:47:31  Rispondi allegando il testo
come sempre il processo e stato rimandato.la prossima audienza e' per il 20 giugno...
Vai ad inizio pagina

prinz_eugen
Utente

Messaggi 444

Spedito - 04/11/2006 :  17:33:54  Rispondi allegando il testo
"ultime"

Oggi 4/11/2006, ma dopo l'ennesimo rinvio dal 31 ottobre scorso, i giudici libici hanno annunciato che pronunceranno il verdetto il 19 dicembre (2006). Dopo un mese dovranno pubblicare le motivazioni, quindi sarà possibile un "definitivo" appello alla corte suprema di cassazione libica.

Fonte: Netinfo

http://netinfo.bg/?tid=40&oid=960217

Ne approfitto per ringraziare anche Paolo Pignocchi di Amnesty International che continua a tenermi aggiornato.
Vai ad inizio pagina

klaudio
Utente

Messaggi 4621

Spedito - 17/11/2006 :  20:05:00  Rispondi allegando il testo
quote:
Inviato in origine da prinz_eugen

"ultime"

Oggi 4/11/2006, ma dopo l'ennesimo rinvio dal 31 ottobre scorso, i giudici libici hanno annunciato che pronunceranno il verdetto il 19 dicembre (2006). Dopo un mese dovranno pubblicare le motivazioni, quindi sarà possibile un "definitivo" appello alla corte suprema di cassazione libica.

Fonte: Netinfo

http://netinfo.bg/?tid=40&oid=960217

Ne approfitto per ringraziare anche Paolo Pignocchi di Amnesty International che continua a tenermi aggiornato.





E noi ringraziamo te,Prinz.
Klaudio
Vai ad inizio pagina

prinz_eugen
Utente

Messaggi 444

Spedito - 10/12/2006 :  19:02:21  Rispondi allegando il testo
Tramite Paolo Pignocchi giro alcune nuove dalla newsletter di "Nessuno tocchi Caino":


LIBIA. SU 'NATURE' RISULTATI ANALISI CHE SCAGIONANO INFERMIERE
BULGARE
6 dicembre 2006: la rivista Nature ha pubblicato i risultati di
un'analisi secondo cui il contagio con virus HIV dei bambini libici
ricoverati nell'ospedale pediatrico di Bengasi è iniziato diversi
anni prima dell'arrivo delle cinque infermiere bulgare e del medico
palestinese.

Condotta su campioni di sangue di diversi bambini infettati,
l'analisi scagionerebbe i sei operatori sanitari che, accusati di
aver volontariamente infettato oltre 400 bambini nel 1998, rischiano
in Libia la condanna a morte.
L'analisi è stata effettuata dall'italiano Carlo Federico Perno del
dipartimento di medicina sperimentale e scienze biochimiche
dell'Universita' di Roma Tor Vergata, in collaborazione, tra gli
altri, con Giovanni Rezza dell'istituto superiore di sanita',
Vittorio Colizzi, Guido Castelli Gattinara dell'ospedale Bambino
Gesu'.
I sei operatori sanitari, che si trovano in carcere in Libia da più
di sette anni, sono stati
in origine condannati a morte da un tribunale di Bengasi, sentenza
poi annullata dalla Corte Suprema Libica. Il caso è stato rinviato a
un tribunale di Tripoli, il cui verdetto è atteso per il 19 dicembre.
Per saperne di piu' :

http://www.alertnet.org/thenews/newsdesk/L06860095.htm


---------------

Oramai sulla vicenda si può leggere un'intera pagina di Wikipedia:

http://en.wikipedia.org/wiki/HIV_trial_in_Libya

Modificato da - prinz_eugen on 10/12/2006 19:22:53
Vai ad inizio pagina
Pagina di 8 Discussione precedente Discussione Discussione successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova discussione  Partecipa alla discussione
 Versione stampabile
Vai a:
Forum Bulgaria-Italia © 2000-2019 Bulgaria-Italia Vai ad inizio pagina
 Modded By: Image Forums 2001 This page was generated in 0,14 seconds. Snitz Forums 2000


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo