Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
Italiano Benvenuti nel forum: è a vostra disposizione per porre delle domande, raccontare storie, scambiare opinioni sulla Bulgaria e i suoi rapporti con l'Italia, conoscere nuovi amici...  Informazioni e regolamento del Forum Bulgaro Добре дошли в форума! Той е на ваше разположение за вапроси, мнения, срещи с нови приятели, така както и за запознаване на обикновения италианец с България... Информация и правилник за Форума
 Club | Utenti | A-Z | Cerca | Statistiche | Il tuo profilo | Chat | Incontri | Annunci | Forum 
Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
 Tutti i forum
 Forum in lingua italiana
 In Italia e nel Mondo
 Moni Ovadia

Nota: Devi essere registrato per rispondere al messaggio.

Attenzione: nei campi sottostanti NON è consentito l'inserimento di link o messaggi a carattere pubblicitario o contrari al regolamento del sito.

NO PUBBLICITA'
NO ANNUNCI COMMERCIALI O PERSONALI
 
Внимание: в полетата, които следват, не се позволява вписването на съобщения или линкове от рекламенхарактер, нито на такива които са в контраст с правилника на този сайт.

НИКАКВА РЕКЛАМА
НИКАКВИ ЛИЧНИ ИЛИ ТЪРГОВСКИ СЪОБЩЕНИЯ
 
Risoluzione schermo:
Nome utente:
Password:
Messaggio:

* HTML non è attivo
* Il Codice Forum è disattivato
Faccine
Felice [:)] Molto Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [}:)] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla 8 [8] Infelice [:(] Timido [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

  Sottoscrizione a questa Discussione.
 
 

R E V I S I O N E      D E L L A      D I S C U S S I O N E
klaudio Inviata - 06/11/2013 : 16:23:56

05.11.2013 Finalmente una buona notizia da Moni Ovadia
la sua decisione di lasciare la Comunità ebraica di Milano

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 05 novembre 2013
Pagina: 1
Autore: Silvia Truzzi
Titolo: «Lascio la Comunità ebraica, fa propaganda a Israele»





Riportiamo dal FATTO QUOTIDIANO di oggi, 05/11/2013, a pag. 7, l'intervista di Silvia Truzzi a Moni Ovadia dal titolo " Lascio la Comunità ebraica, fa propaganda a Israele ".


Moni Ovadia

Finalmente una buona notizia da Moni Ovadia, la sua decisione di abbandonare la Comunità ebraica di Milano.
Può sempre iscriversi alla CFA (Comunità Filo Araba), siamo certi che, visti i suoi meriti, ne diventerebbe immediatamente presidente.
Ecco l'intervista:
Diceva don Primo Mazzolari che "la libertà è l'aria della religione". Non era ebreo, come non lo era George Orwell che in appendice alla Fattoria degli animali scrive: "Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuol sentirsi dire". L'eco di queste frasi si sente entrando nella casa di Moni Ovadia a Milano. Per dar seguito al nome pacifista, il cane Gandhi si accomoda sul divano insieme a un paio di gatti; il caffè bolle, l'attore con il capo coperto racconta la storia del festival promosso dalla comunità ebraica che si è svolto alla fine di settembre a Milano, Jewish and the city. "Qualcuno, durante una riunione tra gli organizzatori ha posto il veto alla mia presenza. E gli altri hanno ceduto".
Perché?
Per le mie posizioni critiche nei confronti del governo Netanyahu. Le violazioni del diritto internazionale, mi riferisco all'occupazione e alla colonizzazione dei territori palestinesi, durano da oltre cinquant'anni. Ho imparato dai profeti d'Israele che bisogna essere al fianco dell'oppresso. Io esprimo opinioni, non sono depositario di nessuna verità. Penso però che questa situazione sia tossica. Per i palestinesi, che sono le vittime, ma anche per gli israeliani: non c'è niente di più degradante che fare lo sbirro a un altro popolo. Aggiungo però che io m'informo esclusivamente da fonti israeliane. Non palestinesi: gli ultrà palestinesi sono i peggiori nemici della loro causa. Apprezzo molto due giornalisti israeliani di Haaretz, Gideon Levy e Amira Hass. Quello che dico io, rispetto a quello che scrivono loro, è moderato. Bene: vivono in Israele, scrivono su un quotidiano israeliano, sono letti da cittadini israeliani e pubblicati da un editore israeliano.
È iscritto alla Comunità ebraica di Milano?
Sì, per rispetto dei miei genitori. Ma ho deciso di andarmene. Io non voglio più stare in un posto che si chiama comunità ebraica ma è l'ufficio propaganda di un governo. Sono contro quelli che vogliono "israelianizzare" l'ebraismo. Ho deciso di lasciare, come ha fatto Gad Lerner a causa della mancata presa di posizione dei vertici milanesi dopo l'uscita di Berlusconi al binario 21, nel Giorno della Memoria.
Dicono che le sue critiche a Israele nascono dal desiderio di avere consensi, successo, denaro.
Ma oggi chi è a favore della causa palestinese? La sinistra? Nemmeno più Vendola lo è! E allora dove sarebbe il grande pubblico che mi conquisto? Più ho radicalizzato le mie critiche, più il mio lavoro è diminuito, mi riferisco agli ingaggi e non al pubblico. Il teatro è per tutti, il teatrante è un cittadino e come tale ha diritto alle sue idee.
Lei non è abbastanza "carino"?
Per niente, ma non si parla di cose carine. Il comportamento della comunità internazionale nei confronti del popolo palestinese è semplicemente schifoso. Nel 2000 intervistai per il Corriere della Sera un colonnello della Golani, le teste di cuoio d'Israele. Mi disse: "Se tu hai un bazooka in mezzo ai denti e un mitragliatore tra le chiappe, ci sono almeno due modi per uscirne". Da militare m'insegnò che se si vuole fare la pace, si riesce. Se io dicessi che il governo Netanyahu è un po' birichino, ma non così tanto, diventerei immediatamente il più grande artista ebreo italiano. Invece offendono i miei spettacoli.
È vero che riceve minacce?
Appena scrivo qualcosa, sul mio sito arriva di tutto: minacce, insulti, parolacce. I termini sono sempre "rinnegato", "traditore", "nemico del popolo ebraico". Ho criticato l'episodio del bimbo palestinese di cinque anni che aveva lanciato una pietra ed era stato portato via da undici militari israeliani. Mi hanno scritto: "Avesse potuto quella pietra arrivare sul tuo cervello marcio". Questi sono i termini, mai risposte nel merito. Mia moglie, che gestisce la mia pagina Facebook, spesso non me li fa leggere, li cancella e basta.
Sono ebrei quelli che la insultano?
La gran parte sì.
Aver subito la discriminazione non è servito a nulla?
Si, ma paradossalmente questo ha un aspetto positivo.
Significa che gli ebrei sono come tutti gli altri. Si trovano in una condizione in cui il nazionalismo è a portata di mano?
Diventano i peggiori nazionalisti, malgrado la Torah condanni l'idolatria della terra. L'ebraismo è una cosa, lo Stato d'Israele un'altra. Qualcuno ha sostituito la Torah con Israele. Il buon ebreo, dunque, non è quello che segue la Torah, ma quello che sostiene Tel Aviv. I sinceri democratici - tipo La Russa - sono amici d'Israele. E non importa se fino a poco tempo fa facevano il saluto romano inneggiando a quelli che hanno sterminato la nostra gente.
Dell' affaire Vauro cosa pensa?
La vignetta su Fiamma Nirenstein prendeva in giro la disinvoltura con cui una donna, appassionatissima della causa israeliana, può sedere in Parlamento accanto a uno come Ciarrapico, che non ha mai smesso di dirsi fascista. Ha fatto benissimo Vauro a querelare chi gli dava dell'antisemita. Non solo perché ha vinto in due gradi di giudizio, ma perché l'accusa di antisemitismo è troppo grave per usarla a sproposito.
Lei cosa chiede?
Vorrei essere criticato - non calunniato o insultato - ma rispettato. Vorrei semplicemente avere il diritto di dire la mia opinione e potermi confrontare.
Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, cliccare sull'e-mail sottostante

lettere@ilfattoquotidiano.it


Klaudio

Forum Bulgaria-Italia © 2000-2019 Bulgaria-Italia Vai ad inizio pagina
 Modded By: Image Forums 2001 This page was generated in 0,03 seconds. Snitz Forums 2000


Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo