Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 La Biblioteca di Bulgaria-Italia 


Ordina su
 & OrderFrom &
 & OrderFrom &
 & OrderFrom &


LE GUERRE BALCANICHE (1912-1913)

Autore: Trotskij Lev

Anno: 1999

Editore: Lotta Comunista

Pagine: 544

Prezzo: EUR 23,24

ISBN: 9788886176316

Inviato nei Balcani nel 1912 dal diffuso quotidiano radical-democratico Kievskaja Mysl', corrispondente di guerra per conto di questo e di altri giornali, Trotsky ebbe modo di conoscere direttamente e di descrivere da par suo scenari, protagonisti e comparse della tragedia che in quel teatro si andava consumando.

Il deflagrare della guerra lo coglie in viaggio da Belgrado a Sofia, e gli risulta difficile convincersi che quanto aveva razionalmente previsto e atteso sia realmente avvenuto. Il vigore del suo commento non ha bisogno di aggiornamenti: "D'un tratto, la guerra ci rivela che procediamo ancora a quattro zampe e che siamo tuttora usciti dal grembo dell'era barbarica della nostra storia ".


Certo, al lettore attento non sfuggirà che il carattere di "posta" della martoriata penisola - la questione degli Stretti, degli sbocchi al mare e così via - non ha più oggi la stessa importanza di allora. Quello di "campo di prova" per i nuovi rapporti multipolari tra le potenze ha preso nettamente il sopravvento, ma molti altri tratti si sono conservati o sono alla radice degli avvenimenti contemporanei.

La magistrale descrizione fattane da Trotsky risulta in più di un'occasione illuminante. Basti pensare al ritratto della borghesia locale "sterile, codarda, inetta e intrisa di sciovinismo fino al midollo", ai banchieri e finanzieri costretti dall'arretratezza a essere "negoziatori politici dei loro stessi interessi affaristici", all'effetto che ha sui soldati serbi l'ingresso nella piana del Kosovo, mille volte cantata e conosciuta, all'interminabile galleria di personaggi di ogni nazionalità e di ogni collocazione sociale, colti ciascuno nel rapporto materiale con la guerra e nella rappresentazione ideale che ciascuno si dà di questo rapporto. "Le difficoltà nelle quali si dibattono i popoli balcanici non sono determinate dalla mappa etnografica della penisola o, perlomeno, non lo sono in modo diretto. La causa va ricercata piuttosto nell'attivismo egoistico della diplomazia europea". Forte di questa consapevolezza, Trotsky ci consegna un quadro vivo e ricco di come "etnografia" e "diplomazia" si colleghino nel dramma balcanico, di come si rappresentino nelle percezioni individuali e collettive, di come l'intrecciarsi determinato di retaggi storici e "moderni" interessi imperialistici possa ricondurre gli uomini che ne sono coinvolti a un livello di barbarie che nessuno credeva più possibile.

Clicca su IBS o Feltrinelli o Webster per verificare il prezzo e le eventuali offerte speciali


Altri volumi di Storia Balcani e ex-Jugoslavia



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)