Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro

Subscribe
Share/Save/Bookmark
     




           Utente: non registrato, entra

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on Google+   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie


 
A Sofia un edit-a-thon Wikipedia sulla libertà di stampa
Bulgaria, svastiche su monumento sovietico a Plovdiv: Ambasciata russa chiede giustizia
La BERS rivede in rialzo la crescita dell'economia bulgara
La rivoluzione d'Ottobre nei monumenti bulgari
Importanti finanziamenti per lo sviluppo delle PMI
   
Tutte le notizie

    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

  


Tra i giovani europei, più di uno su dieci non lavora né studia

20.10.2017

Il tasso dei cosiddetti "Neet" è particolarmente alto nei paesi mediterranei e del sud-est Europa - anche se ha iniziato a diminuire, grazie ad alcune nuove iniziative

All'interno dell'Unione Europea, l'11,6 per cento dei giovani fra i 15 e i 25 anni non lavora né riceve alcuna formazione. In gergo vengono chiamati "Neet" (neither in employment nor in education or training). Una definizione che in realtà raggruppa situazioni molto diverse: il 38 per cento dei Neet sono dei disoccupati di breve durata - spesso giovani diplomati in cerca del primo impiego, oppure ragazzi che rientrano sul mercato del lavoro dopo un'esperienza di studio o formazione - mentre il 50 per cento è rappresentato da disoccupati di lunga durata o da inattivi che si trovano stabilmente fuori dal mondo del lavoro per mancanza di qualifiche o per la loro situazione personale (es. responsabilità familiari, stato di salute). Questi ragazzi e ragazze finiscono così per ritrovarsi bloccati in una fase di transizione che può rivelarsi più o meno lunga.

La situazione in realtà è ancora più preoccupante, dato che secondo la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound) la percentuale di questa seconda categoria di Neet sarebbe sottostimata . La causa sarebbe in particolare l'incapacità di molti Stati europei di proporre delle alternative a questi giovani che, scoraggiati dalla difficoltà di accedere ai canali tradizionali, finiscono semplicemente per scomparire dalle statistiche ufficiali.

Così, anche se vi sono alcuni paesi che stanno cercando di individuare meglio i Neet - per esempio con la creazione di una rete di mediatori per i giovani in Bulgaria o con l'adozione di uno sportello unico per l'orientamento dei giovani in Finlandia - nelle statistiche ufficiali i disoccupati di breve durata rimangono sovrarappresentati rispetto agli altri.

Le ragazze escluse dalla formazione e dall'occupazione sono inoltre più numerose dei ragazzi (il 16 per cento rispetto al 12 per la fascia d'età 15-29 anni) - soprattutto laddove hanno dei figli, come precisa un'analisi del Parlamento europeo. La percentuale dei Neet inoltre aumenta con l'età: nel 2016 solo il 6 per cento dei giovani fra i 15 e i 20 anni non aveva né lavoro né formazione, rispetto al 17 per cento di quelli compresi tra i 20 e i 25 anni.

I paesi mediterranei - ai quali si aggiunge l'Irlanda - sono quelli in cui si registra la più alta percentuale di Neet, che lì sono inoltre soprattutto disoccupati di lunga durata. Tra gli stati membri, è l'Italia il paese dove il problema è più grave (20 per cento dei giovani). Ancora più alta è però la quota dei Neet nei paesi del sud-est Europa che non fanno parte dell'Unione Europea, come l'Albania, il Kosovo e la Bosnia Erzegovina, dove quasi un giovane su tre è escluso dal mercato del lavoro e dal sistema della formazione.

Nell'Europa orientale la principale causa di esclusione dei giovani dal mercato del lavoro e dalla formazione sono le ragioni familiari (quasi un quarto dei Neet bulgari o lettoni è impegnato per via dei figli, rispetto al 10 per cento degli spagnoli o degli svedesi). I Neet infine sono relativamente meno numerosi nei paesi scandinavi e nell'Europa occidentale, dove sono per lo più dei disoccupati di breve durata o impegnati a intraprendere un nuovo lavoro.

Per contenere questo problema giovanile, che ha assunto dimensioni sempre più grandi dopo la crisi iniziata nel 2008 - e il cui costo per gli stati membri è stimato in 162 miliardi di euro all'anno, cioè l'1,3 per cento del Pil dell'Ue - la Commissione europea ha istituito nel 2013 la Garanzia europea per i giovani, a cui aderiscono tutti gli Stati membri. L'obiettivo è proporre a ogni giovane "un'offerta di qualità basata su un lavoro, un complemento di formazione, un apprendistato o uno stage nei quattro mesi successivi all'inizio del loro periodo di disoccupazione o di uscita dalla scuola".

Finanziata dal Fondo sociale europeo e dall'Iniziativa per l'occupazione giovanile - dotata di un bilancio di circa un miliardo di euro all'anno - tra il 2013 e il 2015 questa Garanzia ha permesso l'adozione di 132 misure in favore dell'occupazione e della formazione dei giovani in Europa, riferisce la Commissione europea. Ma anche se dal 2014 la percentuale di Neet continua a diminuire, la Commissione lamenta che le politiche degli stati membri mirino soprattutto ad aiutare i giovani disoccupati a scapito degli inattivi - che invece rappresentano la fascia più fragile, e la cui scarsa visibilità potrebbe in futuro minacciare la coesione sociale degli stati europei.

Questo articolo è frutto di una rielaborazione di un'analisi redatta da Aude Martin per EdjNet/Alternatives Économiques


Autore: EdjNet
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

31.10.2017Conferenza: il patrimonio culturale tra eredità materiale e saperi
26.10.2017IDE in Bulgaria in drastico calo
23.10.2017L’arte della traduzione. Viaggio nelle traduzioni bulgare della letteratura italiana
20.10.2017Tra i giovani europei, più di uno su dieci non lavora né studia
18.10.2017Roma: sesta edizione della biennale Artemidia “Arte e amicizia”
18.10.2017Milano: laboratorio di ricamo e intaglio
16.10.2017Laurea torinese honoris causa per Christo


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS
    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 

 Tutte le Notizie | RSS


Home | Notizie | Forum | Club | Associazione | Annunci | Directory | Biblioteca | Meteo | Foto del giorno | Immagini | Parole famose | Cerca
Turismo | Hotel | Shop | Traduzioni | Appunti di Viaggio | Bulgari in Italia | Cartoline | Sondaggi | Dicono di noi | SocNet  Български English Русский Français Български (Автоматичен превод)
Contattaci Bulgaria-Italia