Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro

Subscribe
Share/Save/Bookmark
     




           Utente: non registrato, entra
    Notizie


 
Grigor Dimitrov incanta: è davvero lui l'erede di Roger Federer?
Sofia: incontro-dibattito sulla poesia italiana e la sua traduzione in bulgaro
Tavola Rotonda: il Teatro Siciliano e la sua traduzione in bulgaro
Petrov, la vittoria più bella: leucemia sconfitta e ritorno in campo
Presentazione del Dizionario delle collocazioni a Sofia
   
Tutte le notizie

Follow Bulgaria-Italia on Twitter   Follow Bulgaria-Italia on YouTube    Follow Bulgaria-Italia on Google+
    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

 Bulgaria - Italia - Appunti di Viaggio - "Trieste-Istanbul in Bicicletta" (6) 
TRIESTE - ISTANBUL IN BICICLETTA (6) - di Emilio Rigatti


Sulle rive del Danubio
IN SERBIA

05.07.2001 - 6-a Tappa - Da Vukovar a Novi Sad (82km)


Arriviamo al Check Point tra Ilok e Backa Palanka sotto la pioggia. Il lungo ponte sul Danubio é quasi deserto. "Sembra di essere in un libro di John le Carrè", commentiamo. É un'impressione che durerà poco, e l'immaginario sui Balcani che ci causa questa deformazione ottica dovrà fare i conti con una realtà meno romanzesca. Le poche persone che varcano il confine -donne con la spesa in borse di plastica qualche "Zastava" male in arnese, un uomo baffuto in bicicletta con difficoltà di equilibrio - vengono invitate a passare con un gesto distratto dai doganieri. Qui c'è stata una guerra? Qui si sono scannati? Chi? Questo vecchio contadino che ti risponde con gentilezza?

I doganieri serbi hanno una minuscola cabina da dove controllano i passaporti. Ci spediscono in una baracca per la dichiarazione di valuta, e qui ci sono vari ragazzi e ragazze giovani, tutti poliziotti di frontiera. I dieci minuti di pratiche ci permetteranno di immagazzinare un po' di calore. Una ragazza in uniforme ha un bambino in braccio. Fumano tutti, e anche il bambino ha la sua razione di sigaretta sciolta nell'aria. Sono gentili, registrano le dichiarazione di valuta, ci chiedono dove andiamo, si sorprendono, e vola qualche battuta.

Compiliamo i moduli, e dove c'è un modulo da compilare ci si sente un po' a casa, in fondo. Eccoci in Serbia, sotto una pioggia insistente e con la sensazione di aver passato sì un confine, ma non con quella Serbia di cui i media hanno costruito un immagine mentale tremenda. Un amico canadese, pochi giorni fa, mi ha telefonato dall'america per raccomandarmi di non andare, di essere prudente. ''Attento ai serbi - mi ha detto, mentre io guardavo Bozidar, il mio insegnante di Serbo, seduto davanti a me - quelli tagliano gole". ''Quanti ne hai conosciuti?''. Lui esita "Neppure uno - risponde - ma sono pericolosi".


QUARTO MIRACOLO DI SAN ALBERTO FIORIN E ARRIVO A NOVI SAD



Sotto la pioggia verso Novi Sad

Un grande viale di enormi platani, e poi un lungo rettilineo che corre in mezzo a campi trascurati, tra case povere: questo il nostro ingresso in Serbia. Bisogna stare attenti alla strada scivolosa, perché per poco succedeva l'incidente. In Croazia, alcune ore fa,mentre eravamo impegnati sui saliscendi della strada che corre seguendo il Danubio, San Alberto Fiorin ha fatto il suo quarto miracolo. La ruota della bici ha é scivolata sul bordo della strada, e non so come ho evitato di finire a terra in malo modo. Oltre alla sofferenza della pioggia, c'è quella del soprasella. Questa parte anatomica così importante per il ciclista, può anche diventare un piccolo inferno portatile. Checco e io abbiamo l'impressione, per tutta la tappa, di essere seduti su un ferro da stiro acceso. Anche quando attraversiamo degli scenari spettacolari -dei campi di girasoli luminosi che contrastano col cielo grigio ferro- ho l'impressione di guardare un bel film seduto su una puntina da disegno, o con un gran mal di denti.

Novi Sad ci accoglie con un gran traffico sotto dei viali di grandi platani. Arriviamo in centro, e la città appare viva, piena di gente, con una parte del centro storico trasformata in isola pedonale. L'eredità asburgica, che percorre i Balcani, si riconosce nelle chiese, nella tipologia delle case, in un cromatismo pastello che ritroviamo diverso ma simile a Trieste, a Fiume, a Ljubljana.


TRIESTE - ISTANBUL in BICICLETTA   e-mail: emiliochecco@hotmail.com

0  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20

ORA E' ANCHE UN LIBRO!


Emilio Rigatti
La strada per Istanbul
pp. 336- f.to 14x21 cm
foto a colori e mappe storiche
ISBN 88-85318-22-3
Editore Ediciclo
Euro 14,00

Ordina su IBS | Feltrinelli | Unilibro | Webster



Turismo | Appunti di Viaggio


Home | Notizie | Forum | Club | Associazione | Annunci | Directory | Biblioteca | Meteo | Foto del giorno | Immagini | Parole famose | Cerca
Turismo | Hotel | Shop | Traduzioni | Appunti di Viaggio | Bulgari in Italia | Cartoline | Sondaggi | Dicono di noi | SocNet  Български English Русский Français Български (Автоматичен превод)
Contattaci Bulgaria-Italia